BreVisioni

John Doe #13: Apri gli Occhi, John (Uzzeo, Rossi Edrighi, Marini)

Questa volta il John Doe viene catapultato in mondo privo di speranza e dominato da morti viventi. Prosegue l'originale serie di Bartoli/Recchioni con un episodio...

John Doe #13: Apri gli Occhi, John (Uzzeo, Rossi Edrighi, Marini)Ho sempre avuto un rapporto di odio/amore con il personaggio creato da Lorenzo Bartoli e . Pur apprezzando l’originalità e i pregi, considero la serie di John Doe troppo altalenate e discontinua a livello grafico e narrativo. Infatti, quasi fosse una regola, dopo un n°12 decisamente sotto tono, il n°13 della collana ci regala un albo veramente bello e curato.
John viene catapultato in un mondo completamente dominato dagli zombi, dove si mette alla ricerca di altri sopravvissuti che risulteranno poi essere i soliti co-protagonisti della serie: Morte, Fato,Tempo e così via. La storia è un continuo susseguirsi di citazioni cinematografiche e fumettistiche di tutto ciò che riguarda i morti viventi, con scene che omaggiano Dylan Dog, The Walking Dead di o ancora Zombi di George A. Romero.
La sceneggiatura di , oltre essere ben scritta e congegnata, sorprende con un finale inaspettatamente delicato. Ottimo il comparto artistico del duo /Marco Marini che fornisce una prova di grande valore, con tavole di grande effetto e una gestione dei loro diversi stili veramente ottimale. Per gli amanti di John Doe un numero imperdibile, per tutti gli altri una delle migliori e originali storie di zombie degli ultimi tempi.

Abbiamo parlato di:
John Doe #13: Apri gli Occhi, John
Mauro Uzzeo, Federico Rossi Edrighi, Marco Marini
, 2011
98 pagine, brossurato, bianco e nero- 3,00€
ISBN:9771722877003

 

John Doe #13: Apri gli Occhi, John (Uzzeo, Rossi Edrighi, Marini)

2 Commenti

2 Comments

  1. Lorenzo

    16 novembre 2011 a 00:01

    Errata corrige: Marco MOrini è in realtà Marco MArini (come si legge anche sull’immagine che avete allegato). Si tratta di un errore che hanno commesso all’Aurea.

  2. Lo Spazio Bianco

    16 novembre 2011 a 08:22

    Grazie per la segnalazione, abbiamo provveduto a correggere l’errore!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio