INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

Dentro INKitchen 2015: con Sara Pavan per attraversare insieme le novità delle autoproduzioni italiane presentate nell'area self del TCBF.

INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

Anche quest’anno non potevamo perdere l’appuntamento con l’area self del Treviso Comic Book Festival. C’è una novità, però, perché insieme all’intera Mostra Mercato, INKitchen si è spostata dalla tradizionale sede di Piazza Borsa alla suggestiva cornice dell’ex ISRAA.

Anche tra le nuove mura l’area self del si è ritagliata uno spazio d’eccezione, tra i banchetti delle case editrici, un chiostro con gli espositori e un palco su cui si alternano gli incontri con gli autori ospiti dello spazio Thirty Comics Talk.INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

Passando per il giardino, dove incontriamo i fumetti itineranti della cantastoriessa , entriamo nell’area INKitchen con la consueta curiosità.
Tra i tavoli ritroviamo gli amici di Incubo alla Balena, vincitori del Premio per la migliore autoproduzione della scorsa edizione del festival, e che abbiamo intervistato al TCBF 2014. Sul banchetto spicca una novità: il volume Momotaro di Elisa Menini. L’albo, che racconta un’antica leggenda giapponese, è rigorosamente autoprodotto e cucito a mano, con una cura per l’oggetto fumetto che molti condividono nell’area INKitchen del TCBF.

Poco più in là i ragazzi di , la cui mostra “Sunday” resterà aperta allo spazio Lobster fino al 10 ottobre. Proprio loro sono i vincitori del premio per le autoproduzioni del TCBF 2015: un modo perfetto per celebrare i 5 anni di percorso che li hanno condotti a diventare un punto di riferimento per il fumetto autoprodotto italiano.

INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

Procedendo tra MalEdizioni, Canemarcio, G.I.U.D.A., Edizioni, C.A.C.C.A, Toast e molti altri, troviamo come sempre l’anima pulsante di questa parte del TCBF, . Da anni Sara si occupa di organizzare, coordinare e spronare i ragazzi dell’area self, di prendere per mano i nuovi arrivati dando loro preziosi consigli su come sfruttare il proprio potenziale, o di aiutare i più “anziani” a dare una direzione al proprio progetto.

INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

“Siamo molto orgogliosi del fatto che quest’anno il vincitore sia stato nominato direttamente dagli altri partecipanti dell’area self. Per me è una cosa importante” ci racconta “perché testimonia che il percorso che i ragazzi di Delebile hanno fatto in questi anni è stato riconosciuto anche dai loro stessi colleghi”.

Mentre chiacchieriamo, guardandoci intorno, Sara INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBFaggiunge: “Inoltre quest’anno i vincitori vengono premiati con una grandissima opportunità: la possibilità di stampare 1000 copie cartonate di grande formato del loro prossimo volume. Tutto questo grazie allo sponsor Pixar Printing che offre inoltre, a tutti coloro che hanno partecipato ad INKitchen, lo sconto del 20% per la stampa delle loro autoproduzioni”.

Ed effettivamente si tratta di un incentivo non da poco, considerando che la scelta del supporto e del numero di copie stampate è spesso significativa per un fumetto autoprodotto.

Come ogni anno, chiedo poi a Sara Pavan se ha qualcuno da segnalarci, qualche novità degna di nota che vedremo, chissà, vincere il premio negli anni futuri.
“Vorrei segnalare il progetto di free press dei ragazzi di Lahar Magazine. Dopo l’esperienza di Pic Nic, che purtroppo si è assopita tempo fa, sono felice che ci sia in Italia una nuova proposta free press capace di conciliare stampa, illustrazione e fumetto. Un’altra menzione va alle ragazze di Blanca. Sono arrivate al TCBF tre anni fa portando più che altro gadget e illustrazioni singole al loro banchetto, ma piano piano il dialogo con gli altri, soprattutto in questa occasione annuale di incontro nell’area self, le ha fatte riflettere sul potenziale narrativo che le loro illustrazioni sembravano in grado di esprimere. Così quest’anno sono arrivate con lavoro più esteso, un loro volume autoprodotto. Sono in qualche modo figlie dell’area INKitchen, e di anno in anno le vediamo crescere, assieme a molti altri”.

Non ci resta dunque che aspettare, e tornare anche l’anno prossimo seguendo, nel frattempo, i percorsi di coloro che abbiamo incontrato ad INKitchen.

INKitchen: autoproduzione in mostra (mercato) al TCBF

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio