Maus di Art Spiegelman: un’opera, due vite

Maus è il monumento alla forza espressiva, iconica, rievocativa della nona arte. In Maus, Spiegelman ha messo tutto se stesso. Sono la verità e l'onestà, che fanno di questo romanzo...
Articolo aggiornato il 27/01/2017

Il 27 gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrarono nel campo di concentramento di Auschwitz, trovandosi di fronte a quello che sarebbe diventato il simbolo del nazismo e dell’Olocausto. Nel 2000 il Parlamento Italiano scelse il 27 gennaio per celebrare il Giorno della Memoria nel ricordo delle vittime di quella tragedia. Cinema, letteratura, e non ultimo il fumetto, hanno affrontato in molte forme la tragedia della Seconda Guerra Mondiale e i terribili effetti della follia umana. Questo articolo fa parte di una serie di articoli che LoSpazioBianco in oltre dieci anni di attività ha dedicato al tema.

Maus di Art Spiegelman: un'opera, due vite

Leggete Maus.
Infilate occhi e mani tra quei topi sporchi e in fuga, tra quei gatti malvagi e razzisti; lasciate che lo sguardo e la mente vengano catturati dalla cruda, indifesa ruvidezza dei disegni, della narrazione, dei tratteggi.

Maus è un’opera organica. Quanto può esserlo la vita di un autore complesso, depresso e auto-distruttivo quanto . È l’opera di una vita, in senso letterale. Di due vite, anzi! Quella del padre di Art, che racconta con distacco e con un italiano sghembo la sua vicenda incredibile quanto può esserlo l’olocausto nazista della Seconda Guerra Mondiale, con ferite profonde ancora oggi visibili, sul corpo e sulla mente. Quella di Art Spiegelman stesso, che si confronta con i suoi fantasmi, con le sue aspirazioni di autore di fumetti “serio”, con le sue ansie, con la sua visione del mondo.

Il fumetto è un medium dalle potenzialità infinite e solo solo in parte sfruttate. Maus è il monumento alla forza espressiva, iconica, rievocativa della nona arte. Quei topi sono umani più delle persone che incontriamo volenti o nolenti tutti i giorni. I loro segni all’interno di ovali allungati rinforzati a china sono più espressivi di molti sorrisi e lamenti di familiari, amici e parenti. Dal fumetto underground che ha fatto la storia altra del fumetto statunitense, Spiegelman ha imparato la lezione più dura e più importante: lasciamo da parte le spacconate, l’estremismo espressivo, le volgarità, gli acidi, il bere; lasciamo da parte tutto quello che del movimento underground è ornamentale e superficiale. E tratteniamo l’essenza: l’impegno e la necessità di raccontare la nostra Realtà, l’immaginario di fine millennio; di svelarne le ferite e le pazzie; di ritrovare la forza degli affetti nella dimensione quotidiana, semplice ma non per questo banale.

Maus di Art Spiegelman: un'opera, due vite

In Maus, Spiegelman ha messo tutto se stesso, fino a ritrovarsi svuotato e senza parole. Dopo l’esperienza estenuante dei lunghi anni di realizzazione dei due volumi di cui è composta l’opera, l’autore non ha più saputo raccontare. Per molto tempo. Soprattutto, non a fumetti. Ha realizzato illustrazioni, articoli di saggistica, di critica sociale in prosa. A fumetti, solo qualche breve racconto, per lo più omaggi al vecchio fumetto degli anni ’20-’30 (il più eclatante è senza dubbio L’Ombra delle due Torri, ispirato alla tragedia dell’11Maus di Art Spiegelman: un'opera, due vite Settembre 2001, che appare come un vero omaggio a una cultura che non esiste più). E poi basta. Il vuoto, personale ed esistenziale. Alla ricerca di una voce che Maus ha asciugato.

La personalità di Art Spiegelman, le sue infinite sigarette, le sue angosce personali (la madre suicida viene rappresentata con infinita tristezza e crudezza proprio in Maus), la sua acutezza mentale, la sua intelligenza sono un altro monumento (non voluto) all’uomo in crisi di fine millennio, ricolmo di rabbia inesplosa e di impotenza di fronte a una società incomprensibile.

Vincitore del Premio Pulitzer (il primo dato a un’opera a fumetti), studiato nelle scuole, testimoniato dallo stesso autore in mille e mille interventi e conferenze, Maus è Art Spiegelman, come Art Spiegelman sembra essere Maus. Sono la verità e l’onestà, che fanno di questo romanzo un capolavoro unico della fine del Novecento, un’opera da conservare come un regalo prezioso. 

Abbiamo parlato di
Maus
Art Spiegelman
Traduzione di Cristina Previtali
, 2010
292 pagine, brossurato, bianco e nero – 20,00€
ISBN: 977039010774060001

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio