Una domenica al Falcomics

Falcomics, fiera di Falconara, tra ospiti, mostre e cosplay: la cronaca della nostra inviata Ilaria Mencarelli.

Una domenica al Falcomics

Giunta alla trentunesima edizione la mostra mercato di fumetto Falcomics, tenutasi a Falconara dal 29 al 31 agosto 2014, continua a crescere e, grazie all’intervento della Scuola Comics di Jesi, si arricchisce di incontri interessanti. Da tre anni a questa parte, infatti, agli stand delle fumetterie che colorano la piazzetta dove ha luogo l’evento, è possibile prender parte agli incontri con gli autori, visitare piccole mostre ricche di tavole originali e assistere ad eventi come Vignetta sul ring (sfida di improvvisazione tra disegnatori umoristici).

La giornata di domenica si è svolta all’insegne della gara dei cosplayer che ha visto giovani ragazzi sfidarsi sul palco a colpi di performance. Le Nami, i Rubber, i Kakashi e le Principesse Gommarosa hanno infine lasciato posto al karaoke dedicato alle sigle dei cartoni animati che hanno fatto storia.

Una domenica al Falcomics
Le mostre in esposizione, divise tra Palazzo Pergoli e Piazza Mazzini, si sono dimostrate interessanti e ricche di spunti; da un lato hanno reso possibile comprendere ancora di più la visione degli autori ospiti, dall’altro apprezzare la loro unicità e la loro ecletticità a seconda dei casi. E così “L’altro me”, interamente dedicata all’ospite principale della convention , ha dato modo di ammirare ancora di più l’estro e le capacità del maestro argentino che nel corso della sua carriera ha sperimentato numerosi stili, dedicandosi anche alla pittura. “Elementi di Retrorobotica e Mechadesign Applicato” ci ha permesso, invece, di ammirare il lavoro di preparazione e le tavole originali di Beta, graphic novel di Luca Vanzella e di Luca Genovese, edito Bao Publishing. “Rivelazioni” ha esplorato invece tramite il disegno le passioni dei vari autori coinvolti mettendo a nudo le aspirazioni degli stessi.

Nell’Angolo del baratto era invece possibile parlare con ospiti del calibro di Enrique Breccia, Marco Bianchini, Gud, e Vincenzo Cucca (Luca Genovese, Alex Masacci, Andrea Fattori, Passpartout e Niccolò Storai il venerdì e il sabato) e ottenere disegni in cambio di un baratto pattuito; vino, birra, caricature, sketch book, action figures sono solo alcuni degli oggetti richiesti dagli autori in cambio della loro manodopera.

Sempre all’insegna dell’allegria e della passione per il fumetto, la piccola ma interessante Falcomics sta migliorando di anno in anno diventando una festa ricca di eventi (incontri con autori, la gara Vignette sul Ring e e i laboratori per bambini ne sono un esempio) e la costante crescita di un pubblico giovane fa ben sperare per le edizioni future.

Leggi la cronaca d’autore di Niccolò Storai!

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Una domenica al Falcomics

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio