Étienne Davodeau al FFF2015 – Bologna 11 novembre

Ètienne Davodeau, autore de "Gli ignoranti" sarà a Bologna l'11 novembre nell’ambito del Festival della Narrativa francese.

 

Comunicato stampa

Étienne Davodeau al FFF2015 - Bologna 11 novembre

Ètienne Davodeau, autore della graphic novel Gli ignoranti – Vino e libri: diario di una reciproca educazione edita da Porthos edizioni, sarà in Italia a Bologna l’11novembre, nell’ambito del Festival della Narrativa francese, organizzato dall’Institut Français Italia/Ambasciata di Francia in Italia.

Mercoledì 11 novembre Etienne Davodeau sarà a Bologna per un appuntamento alla libreria Ubik di via Irnerio 29, alle 18.00.
Con Raffaella Garruccio, traduttrice, Sergio Rossi, co-curatore dell’edizione italiana de Gli ignoranti, e Massimiliano Croci dell’azienda vitivinicola omonima di Castellarquato (Pc), da generazioni impegnati nella produzione di vino naturale. Seguirà aperitivo.

Chi è Étienne Davodeau
Nato nel 1965, Etienne Davodeau ha studiato le Arti Visive a Rennes. Si muove sui terreni del reportage a fumetti e della narrativa, privilegiando un approccio realistico. Nel 2006 e poi nel 2007 ha conquistato il Premio France Info per il fumetto e il reportage con le graphic novel Les Mauvais gens, une histoire de militants e Un homme est mort, scritto insieme a Kris. L’insieme delle sue opere è stato premiato nel 2013 con il Premio del Festival del fumetto della città di Blois (“Boom”). Nello stesso anno, Lulu femme nue (2008 e 2010) è stato adattato al cinema da Solveig Anspach (film nominato per la miglior sceneggiatura ai César 2015). Gli ignoranti,__ grandissimo successo in Francia, ha ricevuto numerosi riconoscimenti e ha fatto parte della selezione ufficiale 2012 del Festival internazionale del fumetto di Angoulême.

Gli Ignoranti (Porthos Edizioni). “Innovativo nell’approccio al tema contadino, come nell’idea che ha portato Davodeau a realizzarlo: quella di scambiarsi i ruoli con un amico e vicino di Rablay sur Layon, nella Loira, il viticoltore Richard Leroy” (Luca Zanini, Corriere della Sera, 25 marzo 2015).
Lo scambio di ruoli è il tema cardine de Gli ignoranti, di cui il sottotitolo è Diario di una reciproca educazione: i due protagonisti si immergono per un anno in contesti dei quali non hanno alcuna esperienza. La viticoltura si fonde col fumetto in questo diario di una doppia iniziazione. I due amici hanno in comune l’ideale della qualità, lo stesso ingrediente che serve per rendere ottimo un bicchiere di vino e per perseguire l’eccellenza di un racconto grafico. La trasmissione della conoscenza e del savoir-faire definirà i protagonisti, aiutando il lettore a cogliere le affinità e i punti di contatto tra due professioni che a un primo sguardo sembrerebbero distanti. Intanto, anche il lettore vivrà una doppia iniziazione.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio