Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!

Sviste e piccoli errori di due grandi artisti ai loro esordi. Paolo Gallinari analizza le storie dell’Asso di Picche, mostrando incongruenze e particolarità del lavoro dei giovanissimi Alberto Ongaro e...
Articolo aggiornato il 04/08/2017

Pubblicate dalla metà degli anni Quaranta, le storie dell’Asso di Picche lasciavano intravedere le grandi capacità, per certi aspetti ancora acerbe, dei giovani creatori Alberto Ongaro e . In questo articolo, il presidente dell’Anafi Paolo Gallinari analizza piccole incoerenze, sviste e tratti di stile riscontrabili a un’analisi attenta degli albi.
I numeri di pagina forniti da Gallinari nel testo fanno riferimento al volume L’Asso di Picche dall’Argentina, curato dallo stesso Gallinari e da Gianni Brunoro e pubblicato dall’.

Le stranezze dell’Asso di Picche

[Articolo pubblicato originariamente su Fumetto n° 86/2013 a firma di Paolo Gallinari.]

Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!Ma come, appena pubblicato il volume sulle avventure inedite dell’Asso di Picche, ecco subito in aggiunta un articolo sul primo personaggio di Hugo Pratt? Eh, già, e questo dimostra come taluni personaggi dei fumetti abbiano dei risvolti che emergono anche a distanza di tempo, nel momento in cui si sofferma su di loro una particolare attenzione. In effetti, per chi come il sottoscritto ha necessariamente dovuto osservare a lungo e a più riprese le stesse tavole, alcune particolarità non potevano non saltare agli occhi.

Cominciamo dalle storie edite e a più riprese ristampate in Italia. Pur restando alla sola prima serie, si può notare come il lavoro dei ragazzi dell’Asso di Picche (eh, sì, perché tali erano dal punto di vista anagrafico, anche se le esperienze trascorse certamente ne avevano accelerato la maturazione, come del resto quella di molti loro coetanei) abbia risentito di una certa qual approssimazione dal punto di vista editoriale ed organizzativo.
Qualcuno si sarà forse accorto, frequentando le bibliografie o gli elenchi che si possono trovare numerosi anche in vari siti web, come alcuni dei titoli delle prime sei avventure a volte vengano riportati in modo differente dai diversi estensori; ma non si tratta di pressapochismo o distrazione dei volonterosi operatori (solitamente scrupolosi collezionisti), bensì di peccato originale.

Procediamo con ordine. Al termine del n.1, nell’ultima pagina della storia, troviamo l’annuncio del successivo n.2, indicato come Nel covo delle Pantere, mentre sul retro dell’albo lo troviamo scritto Il covo delle Pantere!; sennonché, il titolo che campeggia in copertina del n.2 (e all’interno del riquadro con il riassunto della puntata precedente) è Il Covo delle “Pantere”. Va beh, una disattenzione, una di quelle che capitano a chi è alle prime armi, e che di solito scompaiono con l’esperienza. Ma l’allegra compagnia dell’Asso non demorde: nello stesso n.2, l’annuncio in ultima pagina dell’episodio seguente lo intitola Le tombe dei Molog, mentre il titolo che effettivamente campeggia sulla copertina del n.3 è Le tombe dei Mogol.

In realtà, passeranno diversi numeri della rivista veneziana prima di ritrovare un errore di questo tipo, segno che nel frattempo i ragazzi sono cresciuti e il loro Albo Uragano è migliorato; ci ricascano alla fine del n.17, quando viene annunciato il titolo dell’episodio seguente, ovvero Il Gran Ko-Hi- Noor, ma basta andare alla prima vignetta del n.18 (in copertina non viene citato il titolo dell’avventura) per trovare il “vero” titolo, La luce del Koh-i-Noor.

Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!

Invero, fra le stranezze di questo periodo va citato anche il mistero della copertina originale del primo Albo Uragano, esistente in due edizioni differenti (come riportato a pag.193 del volume L’Asso di Picche dall’Argentina): quella più comunemente vista e ristampata, con il fondo della parte superiore in colore rosso, il titolo in rosso su fondo bianco e la carta dell’asso di picche nella parte destra, e quella più rara, con il fondo della parte superiore in colore azzurro, il titolo in bianco su fondo rosso e senza carta nella parte destra; inoltre, nella prima compare in alto a destra uno scorcio di palazzi cittadini, speculare a quello che sta in basso a sinistra. Pur interpellando diversi collezionisti e testimoni dell’epoca, non siamo riusciti a sapere per certo quale sia stata la prima e quindi originale copertina dell’albo (ogni collezionista, infatti, opta per considerare come originale la copia in suo possesso…), né per quale motivo ne esistano due versioni: sia ipotizzando una seconda tiratura, sia sospettando una contraffazione, non si spiega il perché di due copertine diverse. Dal punto di vista tecnico e grafico, tuttavia, appare più convincente pensare che la seconda tiratura sia quella con la copertina di prevalente colore rosso, in quanto gli elementi differenti sono in aggiunta rispetto all’altra; inoltre, viene naturale pensare che, magari per sfruttare il successo del personaggio Asso di Picche, se ne sia voluta sottolineare la presenza con l’aggiunta della carta omonima in una successiva versione della copertina.

Passiamo ora ad esaminare invece alcuni aspetti interessanti scovati nel corso della lettura degli episodi inediti, a suo tempo pubblicati su Salgari in Argentina e riediti nel nostro recente volume.
Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!L’esperienza di Alberto Ongaro come soggettista e sceneggiatore, nel frattempo, si è molto affinata rispetto ai primi tempi, e già si scorgono le radici del magnifico scrittore che diventerà; interessanti sono alcune vignette che suggeriscono stuzzicanti ipotesi dietro le quinte della storia principale. A pag.28 del volume, troviamo un primo spunto: dopo il primo faccia a faccia con il falso Asso di Picche, Gary e Wang si riposano in albergo facendo una doccia tonificante, e ci viene mostrato il principe cinese nell’atto di insaponare la schiena dell’amico, entrambi nudi sotto lo scroscio rilassante. Forse ci viene detto che lo spirito fraterno e cameratesco che accomuna i due è molto forte, o forse qualcosa di più; fatto sta che Ongaro, dopo questo flash provocatorio, non tornerà più in seguito sull’argomento in questi termini. Vale la pena ricordare solo di passaggio quanto si è parlato negli anni seguenti, a proposito delle coppie maschili di supereroi, dei possibili risvolti gay del loro rapporto (citiamo per tutti Batman e Robin). A pag.76, poi 77 e infine 87, troviamo invece alcune scene che potremmo definire sado-maso-lesbo, con donne che picchiano (anche con la frusta) e comunque sottomettono altre donne, ricordando i tempi della Banda Aerea di Phantom; sennonché, più avanti scopriamo a pag. 96 che una delle protagoniste di queste scene, Daria Kaievna, in realtà è un uomo camuffato da donna, e quindi aggiungiamo agli aspetti stravaganti delle storie anche il travestitismo.

Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!Al di là di queste annotazioni, va anche detto che – come è facile notare – il tratto di Pratt in questo periodo è ancora incerto, ma non mancano i momenti in cui si può scorgere senza ombra di dubbio il Maestro che verrà, come nelle scene a pag. 118, in particolare a fondo pagina, con il gesto vezzoso della ragazza che si mette i capelli dietro l’orecchio, o la tipica gonna che si alza controvento. Ma è certamente divertente anche andare a scovare le stranezze delle onomatopee utilizzate nelle diverse vignette; ad esempio, sapete quanti modi vengono usati per scrivere il rumore di uno sparo? Io ne ho contati quattro, e precisamente CRAC, CRAK, CRACK oltre al classico BANG; a pag.125 li trovate tutti e quattro compresenti!

Poiché non ci facciamo mancare niente, ecco l’ultima chicca, una piccola distrazione di un testo narrativo che ormai si avvia a diventare maturo e avvincente: a pag.102, Dario Kaievic (colui che prima conoscevamo come Daria Kaievna) raggiunge Shanghai con uno dei superstiti della banda dei falsari, e, lasciato l’aeroporto, i due si dirigono nientemeno che… al quartiere cinese (nel testo originale spagnolo, la parte china)!

Gli esordi di Alberto Ongaro e Hugo Pratt: le stranezze dell’Asso di Picche!

Naturalmente, il contenuto di questo articolo non intende in alcun modo sminuire l’opera del gruppo dell’Asso di Picche, anzi, semmai vuole incoraggiare tutti coloro vogliono ingaggiare la propria personale sfida con la narrazione di storie a fumetti: anche i grandi autori hanno avuto un percorso che li ha portati nel corso degli anni a migliorare il loro prodotto, da un inizio magari incerto a risultati magistrali e a vette artistiche quali quelle raggiunte da Ongaro e Pratt.

Ma ogni tanto è divertente anche prenderli un pochino in giro!

1 Commento

1 Commento

  1. alessandro vermini Pillola

    11 giugno 2016 a 08:59

    ho conosciuto hugo pratt a genova negli anni sessanta che con l’aiuto di florebzo ivaldi lancio il favoloso mensile sergente kirck,sono un fanatico dell’opera di milito caniff,e ho scoperto suoi eroi dal ristorante a new york the palm e dve abitava a tudor city.raccolgo tutto quello che trovo su l’opera di caniff,se qualcheduno mi vuole contattareil mionumero è 331 7997389

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio