Dylan Dog #344 – Il sapore dell’acqua (Gigi Simeoni, Giorgio Pontrelli)

Dylan Dog e Rania si alleano per sconfiggere un pericoloso assassino che usa l'acqua per uccidere.

Secondo numero consecutivo per che, con questa terza prova, si conferma come una dei punti fermi del nuovo corsoDylan Dog #344 – Il sapore dell'acqua (Gigi Simeoni, Giorgio Pontrelli) di . Tre morti bizzarre e in qualche modo legate all’acqua, portano Rania Rakim, la nuova figura femminile fissa della testata, a chiedere aiuto all’indagatore dell’incubo. L’autore non riesce a ripetere in pieno la bella prova fornita nello scorso numero, pagando una narrazione troppo lineare. L’episodio, oltre all’inserimento di un nuovo alchemico nemico, che probabilmente ritroveremo in futuro, un Dylan davvero “dentro” la storia  e a qualche simpatico cameo come quello di Hamlin, il proprietario del negozio dimensionale Safarà, offre la classica indagine, afflitta però da una risoluzione forse troppo semplice.

Il Sapore dell’acqua” è un numero che sembra voler soprattutto approfondire il rapporto conflittuale che si sta sviluppando tra il protagonista e Rania, che non vuole accettare l’attrazione che prova per Dylan. Anche in questo caso però non tutto funziona a dovere, con la giovane poliziotta che segue il protagonista per tutto l’albo come un burattino, facendosi suggerire anche le svolte più semplici, restituendoci così una caratterizzazione ancora troppo abbozzata. Buona la prova ai disegni di , che si affida a un tratto molto pulito e sottile, con una particolare finitura a doppia linea che, in qualche caso,  ricorda il grande Attilio Micheluzzi. A una certa mancanza di contrasto e qualche incertezza nei volti sui campi medio-lunghi, l’artista compensa con una convincente resa delle inquadrature.

Abbiamo parlato di:
Dylan Dog 344 – Il sapore dell’acqua
Gigi Simeoni, Giorgio Pontrelli
, maggio 2015
98 pagine, brossurato, bianco e nero – € 3,20
ISSN: 9771121580009-50344
Dylan Dog #344 – Il sapore dell'acqua (Gigi Simeoni, Giorgio Pontrelli)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio