Das UPgrade #1 – Please don’t let me hit the ground

Arriva in Italia per Bao “Das Upgrade”, ambiziosa opera in dieci volumi del duo tedesco formato da Sascha Wüstefeld e Ulf Graupner

Das UPgrade #1 - Please don't let me hit the ground“Up, down, turn around
Please don’t let me hit the ground
Tonight I think I’ll walk alone
I’ll find my soul as I go home”
(“Temptation” – New Order)

Si comincia cadendo.

Nel 2736 a.C. un corpuscolo di neanche quattro millimetri di diametro precipita verso la Terra, portando con sé quelli che sembrano cinque semi.

Nel 1992 un omone barbuto, Ronny Knäusel, 25 anni, precipita verso il suolo. Accompagnato da una canzone del 1982.

Nel 1988 un uomo, sempre Ronny Knäusel, aiuta un gruppo di persone ad attraversare il confine tra la Repubblica Democratica Tedesca e la Repubblica Federale Tedesca.

E poi si torna nel 1992.

È così che procede la narrazione del primo volume di Das UPgrade, per balzi temporali, scossoni su e giù e svolte: Up, down, turn around come nell’enigmatico pezzo dei New Order che accompagna la caduta di Ronny.

In questo volume, primo di dieci, veniamo a conoscenza delle circostanze che hanno portato alla nascita di Ronny Knäusel nella Dresda del 1966. Il protagonista possiede la singolare capacità di teletrasportarsi, capacità legata, sembrerebbe, a quel corpuscolo precipitato sulla terra quasi 50 secoli prima e a Palms in sorrow, grande e unico successo del cantante Cosmo Shleym.

Sascha Wüstefeld e Ulf Graupner, talentuosi illustratori tedeschi, concepiscono questo primo volume dell’opera, Ronny, Russi, Rock & Roll, con mirabile perizia grafica: salta subito all’occhio che l’impaginazione delle tavole è studiata con cura certosina, in relazione alla posizione che occupa all’interno del libro. Quand’anche non ci si trovi davanti a una spread page, ogni tavola pensata per essere stampata sulla sinistra trova i suoi naturale sviluppo e conclusione in quella di destra in una gestione fantasiosa e originale delle transizioni.
Personaggi che attraversano la tavola, baloon che si intersecano e “colano” nelle vignette sottostanti, i bordi di queste ultime che si modificano e si adattano alla situazione narrata: ogni volta che si gira pagina ci si trova di fronte a un’esperienza visiva diversa, sottolineata anche da palette grafiche che mutano assecondando l’ambientazione e la narrazione.
Il tutto accompagnato da un indovinato stile cartoonesco che rimanda alle produzioni animate Disney e Warner Bros degli anni ’50 e ’60.

Das UPgrade #1 - Please don't let me hit the ground

Poco si può dire, invece, dal punto di vista dell’intreccio: in questo primo volume gli autori si limitano a disporre i pezzi sulla scacchiera ponendo tante domande senza offrire nessuna risposta. Il risultato finale è quello di un albo molto bello da vedere e che lascia il desiderio di sapere come prosegua la storia, che si prospetta interessante.

L’unico cruccio viene dal piano editoriale, figlio della lentezza degli autori, che prevede la pubblicazione di due volumi nel 2016 per poi proseguire al non esaltante ritmo di un solo volume l’anno. Indubbiamente una scelta obbligata ma che scoraggia chi sa di dover attendere il 2024 per conoscere la conclusione di questo fumetto.

Abbiamo parlato di:
Das UPgrade Vol 1 – “Ronny, Russi, Rock & Roll”
Sascha Wüstefeld, Ulf Graupner
Traduzione di Flavia Scuderi
, aprile 2016
64 pagine, cartonato, colore – € 16.00
ISBN: 9788865436585

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio