Creare il punto di vista di Ant-Man (due clip dal film)

Due nuove clip in italiano tratte dall'atteso film Marvel interpretato da Paul Rudd.

Secondo il regista, è soprattutto un film sul restringimento. “È un genere con una lunga tradizione alle spalle, che parte da Radiazioni BX: Distruzione Uomo e arriva a Tesoro, Mi Si Sono Ristretti i Ragazzi e a tanti altri titoli”, afferma Reed. “In questo caso si tratta di un film sul restringimento, aggiornato al 2015, dunque la tecnologia va sfruttata al meglio. Deve apparire fotorealistico. Dobbiamo credere che Scott sia davvero rimpicciolito. Come riuscirci? E con quali metodologie? Una volta avrebbero semplicemente costruito una matita gigante o una palla da baseball enorme, ma in questo film abbiamo deciso di non farlo”.

Reed continua a descrivere le tecnologie utilizzate nel film. “Abbiamo usato una combinazione di riprese macro, macrofotografie, e motion capture con gli attori e le controfigure, e inoltre abbiamo costruito delle versioni in miniatura di ogni set, che abbiamo chiamato macro-scenografie. Quando Ant-Man corre sul pavimento o su un tappeto, volevo che le superfici degli oggetti sembrassero autentiche. Il fotorealismo più assoluto è diventato il nostro mantra. Usate in questo modo, queste tecnologie ci permettono di rendere le superfici tattili e tangibili, ma allo stesso tempo possiamo muovere il più possibile la macchina da presa sul set. Si tratta di una novità che distingue Ant-Man da tutti gli altri film sul restringimento”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio