Batman # 50 – Il presente, il passato e il futuro dell’essenza di un eroe

Il traguardo dei 700 numeri del mensile americano di Batman viene festeggiato da Grant Morrison con una storia particolare, sospesa tra passato, presente e futuro dell'Uomo Pipistrello.
Articolo aggiornato il 05/10/2015

Batman # 50 – Il presente, il passato e il futuro dell’essenza di un eroe è l’autore che negli ultimi anni si è caricato sulle spalle la gestione principale di Batman, affrontando una lunga cavalcata che vede il suo cuore nella saga Batman R.I.P. e che, nello stile visionario dell’autore, altro non è se non un particolarissimo elogio a 70 anni di vita editoriale del personaggio.
Se già in concomitanza con il n. 666 del Batman americano lo scrittore scozzese aveva approfittato dell’evocativo numero per una storia particolare e nel contempo legata in qualche modo imperscrutabile alla saga in corso (“Batman a Betlemme“), ecco che in occasione di Batman #700 – raccolto nel cinquantesimo numero della testata italiana targata Planeta DeAgostini – Grant Morrison realizza una storia celebrativa del personaggio non rinunciando al suo tocco inconsueto, che rende la storia intricata ed ermetica.

La storia è una veroa e propria esaltazione del personaggio e racconta di un caso molto particolare per il più grande detective del mondo: l’Uomo Pipistrello, anni fa, non riuscì a risolverlo, ma alcuni elementi di quell’indagine ritornano ora, quando il mantello è indossato dal nuovo Batman in seguito alla scomparsa di Bruce… e addirittura nel futuro, riprendendo in mano quello scenario visto nel già citato “Batman a Betlemme“.

Batman # 50 – Il presente, il passato e il futuro dell’essenza di un eroeMolto interessante l’idea dell’autore di creare un filo rosso che leghi passato, presente e futuro di Batman, il cui significato è chiaramente quello di affermare che in qualunque tempo ci sarà sempre un Batman pronto a difendere una Gotham City in pericolo, per quanto dannata e pericolosa possa essere. E’ un elogio dell’idea stessa del personaggio, dell’incarnazione degli ideali che Bruce Wayne incarna con la sua missione e che Morrison stesso ha già avuto modo di sviscerare ampiamente nella saga “Il Ritorno di Bruce Wayne“, in cui sempre il tempo giocava un ruolo importante.

Se vogliamo trovare un difetto in questa storia, si può dire che ecceda di ridondanza per quanto riguarda la visione che l’autore vuole comunicarci, ma ritengo sia un peccato su cui si possa assolutamente chiudere un occhio.

Bella l’idea di assegnare a ciascun segmento della storia un disegnatore diverso, così che possiamo goderci il tratto di alcuni dei migliori artisti in forza alla DC: , Frank Quitely, Scott Kolins, e David Finch regalano tavole davvero molto buone e si amalgamano bene all’interno della storia pur avendo ognuno un proprio stile peculiare.

Il resto dell’albo è composto da una serie di ottimi ed evocativi disegni a tutta tavola realizzati da una selezione del parco disegnatori DC, che alza ulteriormente la qualità del numero; un paio di pagine in cui si approfondisce la struttura della Bat-Caverna; infine “Il Medaglione“, storia scritta dal veterano Denny O’Neil, che ha anch’essa curiosamente a che fare con il passato, grazie in particolare a uno stile di disegno decisamente retrò in alcuni punti strategici, in cui cifra stilistica che si riscontra è quella della malinconia.

Batman # 50 – Il presente, il passato e il futuro dell’essenza di un eroe

Abbiamo parlato di:
Batman # 50
Grant Morrison, Dennis O’ Neil, , Andy Kubert, David Finch, Tony Daniel, Scott Kolins,
Traduzione di Michele Foschini
, 2011
80 pagine, spillato, colori – 5,95€
ISBN 9771887472334

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio