Astral Project vol. 1

Articolo aggiornato il 03/11/2015

di Marginal e Syuji Takeya
JPOP, feb. 2009 – 232 pagg. b/n bros. con sovraccoperta – 5,90euro
Astral project è un ambizioso, cadenzato su ritmi lenti e abitato da personaggi maturi, impegnati a ricostruire il denso puzzle narrativo ideato da Marginal: pseudonimo di Garon Tsuchiya, sceneggiatore di Old Boy. Lontano dalle tematiche della vendetta approda su lidi rarefatti e filosofici indagando l’impalpabile essenza dell’anima, per il tramite del giovane Masahiko (autista per “escort” di lusso) e delle sue esperienze extracorporee legate all’ascolto di un cd del sassofonista Albert Ayler, ritrovato durante l’investigazione sulla misteriosa morte della sorella. Molti i riferimenti diretti al jazz (da molti definita la musica dell’anima), a partire dal titolo ispirato a una band fondata nel 1978 a New Orleans, così come a “La strada” di Federico Fellini: luogo metaforico per indagare la progressione psicologica, cognitiva e spirituale dell’uomo. Uniti forniscono un’allettante chiave di lettura che introduce ad un’opera che si preannuncia complessa. Alle matite Syuji Takeya, ridondante nella prima parte e maggiormente convincente nelle battute finali, ma sempre a proprio agio nella raffigurazione delle scene oniriche governate dalle entità astrali. Un primo volume che pone solide basi per il prosieguo della serie. (Ferdinando Maresca)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio