Argomenti: / /

Anteprima: “Ragazze cattive” di Ancco da Edizioni Canicola

Dal 12 aprile nelle migliori librerie Ragazze cattive il graphic novel della coreana Ancco, Premio rivelazione ad Angoulême. Il ritratto lucido di una adolescenza abusata. Una storia aspra e delicata in un paese nel mezzo di una crisi economica e morale.

Dal 12 aprile nelle migliori librerie Ragazze cattive l’atteso graphic novel della coreana Ancco, Premio rivelazione ad Angoulême. Il ritratto lucido di una adolescenza abusata. Una storia aspra e delicata in un paese nel mezzo di una crisi economica e morale.

Prosegue l’indagine di sul fumetto orientale che dopo le opere inedite dei giapponesi Yoshiharu Tsuge e Yuichi Yokoyama, dei cinesi Chihoi Lee e Yan Cong, presenta in Italia Ragazze cattive della coreana Ancco, prima graphic novel dell’autrice Premio rivelazione ad Angoulême 2017.
Se di recente si sono imposte a livello internazionale scrittrici coreane come Han Kang con La vegetariana, o Kyung-Sook Shin con Prenditi cura di lei, attraverso romanzi che mettono al centro la figura della donna nella società contemporanea patriarcale e gerarchica, sondando le dinamiche della violenza e del dolore, la giovane fumettista Ancco ripercorre il suo passato e dipinge il quadro oscuro e brutale dell’adolescenza coreana negli anni Novanta.

La Corea è nel pieno della crisi economica, la disoccupazione, i suicidi e la delinquenza giovanile prosperano. Il clima è cupo e la vita è difficile. A casa, a scuola, nelle strade, le ragazze vengono picchiate con ogni pretesto. La violenza è la norma, e questo spinge le giovani a ribellarsi.

“All’epoca, la brutalità non era dissimulata. Ma non dobbiamo essere ingenui, questa violenza esiste ancora, è solo nascosta meglio”, dice Ancco in una recente intervista su Libération. E prosegue l’autrice: “Immagino che il lettore possa pensare che la mia infanzia sia stata cupa, ma è più complicato di così. Quando vieni picchiato non stai lì a dirti che hai una vita difficile. Ti fanno male le costole, la testa, pensi a curarti. Le mie amiche vivevano la stessa situazione e comunque ci divertivamo… Non ci è mai venuto in mente di chiedere aiuto.”

Ancco sceglie una narrazione in cui passato e presente si alternano, proiettando il lettore nel mondo da cui lei stessa si sente sopraffatta. È una crescita in fuga da genitori opprimenti e da uomini guidati unicamente dagli istinti più violenti. Chinju e Jeong-ae, le due amiche protagoniste, si stringono nel dolore, assaggiano la libertà ed evadono dalle proibizioni, prima di cadere ancora più in basso immerse bruscamente nel mondo degli adulti. Solo la tenerezza che le unisce le fa resistere ai colpi continui che riecheggiano in un bianco e nero secco e profondo.

“Scrivere è stato doloroso, cominciavo ad avere successo e le persone che per anni mi avevano picchiata venivano a dirmi quanto erano fiere di me. Ci ho messo un bel po’ di tempo a fare ordine nella mia testa.” In Ragazze cattive Ancco trova la voce taciuta durante l’adolescenza, e rende inesorabile e sconvolgente questo viaggio nel cuore della notte coreana.

Anteprima – Ragazze Cattive

Ragazze cattive
Ancco
Traduzione di Roberta Barbato
184 pagine in bianco e nero, 17×24, 2018
collana jaroslav falta
isbn 9788899524326
18 euro

Ancco

(Seongnam, 1983) inizia a disegnare presto, pubblicando nel 2003 le pagine del suo diario online, poi raccolte in Francia con il titolo Jindol et moi (Éditions Picquier) nel 2007. Nel 2009 esce Aujourd’hui n’existe pas (Cornélius) una serie di racconti basati su episodi di vita vissuta. I disegni di Ancco si fanno manifesto della società coreana contemporanea, divisa tra tradizione e modernità, ossessionata dai fantasmi della storia e pressata dal mondo occidentale. Portavoce del disagio della gioventù coreana, Ancco è diventata un riferimento per un’intera generazione, dimostrandosi una voce sempre più urgente di denuncia sociale. Dopo aver vinto nel 2012 il premio coreano “Fumetti di oggi”, Ragazze cattive è stato premiato al Festival Angoulême 2017 come migliore rivelazione internazionale. Vive a Seoul.

L’autrice sarà ospite del Far east Film festival di Udine con una mostra al Museo di Arte Moderna e Contemporanea dal 20 aprile al 13 maggio 2018 e inoltre incontrerà il pubblico anche a Bologna, Napoli, Roma.

Anteprima: "Ragazze cattive" di Ancco da Edizioni Canicola

Canicola

Canicola associazione culturale è nata a Bologna nel 2004. Attraverso un progetto editoriale di ricerca in ambito grafico e narrativo, esposizioni, workshop, presenza a festival, si occupa di fumetto contemporaneo e disegno. La produzione si concentra su una rivista a progetto e libri di autori italiani a cui si affianca la traduzione di autori inediti in Italia. Canicola fa rete culturale con le altre realtà internazionali affini e ha ricevuto per la sua attività diversi premi e riconoscimenti nazionali e all’estero.

www.canicola.net
facebook.com/canicolaedizioni
canicolaedizioni.tumblr.com

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio