Anteprima: Il comico, primo progetto a fumetti de La stanza

Un'anteprima de "Il Comico", fumetto autoconclusivo scritto da Salvatore Vivenzio e disegnato da Jacopo Maran, primo progetto del collettivo La Stanza.

Anteprima: Il comico, primo progetto a fumetti de La stanzaIl comico

Un omaggio alla satira, da Bill Hicks a George Carlin.
Immaginate di entrare in un teatro senza posti, tutto buio. Una luce soltanto si illumina ed un uomo sul palco inizia a parlare.

La storia di un comico che, serata dopo serata, battuta dopo battuta, si avvicina sempre di più alla verità. L’attitudine alla critica sociale aumenta di pagina in pagina, fino a diventare fastidiosa. Una storia che si muove tra il palco e la realtà, tra verità e finzione, tra recita e vita. Dov’è il palco? Quali sono i confini che lo segnano? Dove sono gli spettatori? Chi è a ridere? Assisterete a una rappresentazione tragicomica, surreale. Chi ha parlato? Chi è caduto?

Il racconto di uno spettacolo pericoloso e della più efficiente delle censure.

Spegnete i telefoni, fate silenzio. Si apre il sipario ed inizia lo spettacolo.

Testi di Salvatore Vivenzio, disegni di Jacopo Maran, lettering di Gianluca Francesconi.

 

Collettivo

Il collettivo La stanza raccoglie autori e artisti (professionisti e aspiranti tali) del mondo del fumetto ed è attualmente costituito da due sceneggiatori ed otto disegnatori, ovvero Salvatore Vivenzio, Paola Oliviero, Riccardo Pasqual, Pietro Costa, Simone D’Angelo, Matteo Fantozzi, Gabriele Falzone, Federico Mele, Gianluca Francesconi e Jacopo Maran.

Salvatore Vivenzio

Salvatore Vivenzio è autore del romanzo Radioactive edito dalla casa editrice Montecovello Edizioni nel 2013. Ha pubblicato Awake nel 2014, un romanzo breve edito dalla Genesis Publishing. E’ fondatore de La Stanza e lavora come giornalista per OverNews Magazine e per Il Pappagallo.

Jacopo Maran

Jacopo Maran si è diplomato alla Scuola Internazionale di Comics a Jesi.
Ha già lavorato per una storia breve pubblicata online dal titolo ”Visioni”, scritta da Marcello Bondi.

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio