Approfondimenti

EDITORIALE: Arte vs Intrattenimento, la “specializzazione” dell’autore italiano

Storie di avventura, storie autobiografiche, storie di attualita'... apparentemente l'autore italiano di fumetti sempre meno diversifica la propria produzione. e' uno specialista, al riparo dai...

EDITORIALE: Arte vs Intrattenimento, la "specializzazione" dell'autore italianoNel mondo del fumetto si ripresenta ciclicamente nel corso degli anni la disputa sterile e irrisolta tra Arte e Intrattenimento. Si tratta di due concetti talmente in opposizione da incontrarsi continuamente, per quella strana e inevitabile attrazione degli opposti.
Con la volontà di reprimere qualunque forma di pregiudizio e di facile categorizzazione, Lo Spazio Bianco ha da sempre cercato di osservare il fumetto e ogni sua espressione per quella che è, cercando di comprenderne il valore in relazione al contesto produttivo, creativo e distributivo in cui si manifesta. Non esistono a priori prodotti di serie A e di serie B. Esistono storie fatte meglio o peggio, qualunque siano le sue caratteristiche e le sue intenzioni.
Osservando l’insieme delle pubblicazioni, non vi è dubbio tuttavia che una tale divisione persista. A volte come pura esigenza editoriale (accentuare il taglio artistico piuttosto che d’intrattenimento con il “vestito” che un’opera indossa), a volte come ambizione più o meno esplicita dell’autore, a volte come vera e proprio mission aziendale. All’interno di queste fragili barricate, supposte e presunte ma a volte reificate, si rischia di cadere nell’errore di irrigidire e imbavagliare le potenzialità artistiche del nostro amato mezzo di comunicazione. Nelle numerose (ma insufficienti) produzioni italiane, sembra esista il principio della specializzazione.
EDITORIALE: Arte vs Intrattenimento, la "specializzazione" dell'autore italianoL’autore “Bonelli”, per esempio, rappresenta l’archetipo dell’intrattenitore di razza che sembra voler rifuggire qualunque produzione fumettistica che lo metta più direttamente a confronto con la nostra società e le nostre ansie quotidiane. All’interno di una torre (che si spera essere dorata) produce a ritmi più o meno elevati (ma complessivamente sopra la media) pagine e pagine di fumetti che si discostano raramente da un modello familiare e conosciuto.
Al contrario, l’autore “indipendente”, carico e responsabile dell’attualità e della fatica del vivere, sembra muoversi sicuro e giudicante nelle librerie specializzate a parlarci di animali in via di estinzione e di ricordi della propria infanzia unica e leggendaria.

Purtroppo, di queste semplificazioni, volutamente grottesche e caricaturali, il mondo del fumetto sembra essere pieno, ripeto, più per meccanismi interni allo stesso che per volontà dei lettori o della fantomatica critica.

Ma il punto centrale, reale e pesante come un macigno, è che sembra essere scomparso l’autore “flessibile”, che desidera sperimentare le proprie capacità e le proprie emozioni, e che soprattutto desidera confrontarsi con lettori diversi, mossi da aspettative e desideri differenti. La diversificazione, prima che editoriale, dovrebbe essere culturale e artistica. Certo, l’assenza, negli ultimi decenni, di contesti produttivi ed editoriali che favoriscano questo tipo di apertura è senz’altro co-responsabile di un processo di isterilimento delle idee e della volontà. Così come l’abitudine a considerare il mondo del fumetto come monolitico e definito a priori.

Eppure, nella mente di chi scrive è sempre più forte la convinzione che solo nel nucleo primario, fecondo e generativo della creatività degli autori debba trovare nuovo spazio e nuova energia la volontà di sperimentare, differenziare, mettersi in gioco con prodotti diversi, accettandone il rischio, l’incertezza e, perché no, salutandone l’inaspettato successo.

Per commenti: redazione@lospaziobianco.it

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio