Recensioni

Il ritorno del Cavaliere Oscuro, la rivoluzione di Frank Miller

Un'opera meravigliosa, tremendamente moderna, che ha ridefinito i confini del fumetto supereroistico moderno e la figura di Batman in particolare.
Articolo aggiornato il 10/02/2017

Il ritorno del Cavaliere Oscuro, la rivoluzione di Frank MillerQuando a venne affidata la storia, che sarebbe stata pubblicata subito dopo la Crisi nelle Terre infinite del 1985 che cancellò d’un botto quasi tutto quello che era stato il cosmo DC Comics sino ad allora (e quindi anche il Batman universe), il personaggio era totalmente allo sbando, destinato probabilmente alla chiusura dopo le trovate naif degli anni sessanta e quelle jamesbondiane dei settanta.
Date tutte queste premesse, l’autore ebbe praticamente, forse primo caso assoluto nella storia di un personaggio non di proprietà, completa carta bianca. Non c’è nulla che si possa dire di questo fumetto che non sia già stato detto.

In fin dei conti è una di quelle storie che più hanno influenzato, in seguito, un certo modo di concepire il fumetto come genere. L’autore immaginò un Batman vecchio, depresso e disgustato da un mondo che si sta abbandonando alla sua rovina: un mondo che egli torna a combattere, da solo, dopo un decennio d’inattività semiforzata, contro tutto e tutti, volgendo verso la conclusione l’avventura di tutta una vita e trovando finalmente nei nemici di sempre solo il riflesso della sua psicopatia.

Un uomo mascherato all’interno di un mondo che somiglia tremendamente alla nostra contemporaneità, che vive sul confine della legge per poterla far rispettare, per sistemare le cose. Un uomo che lotta fino alla morte.
Vera? Falsa? Ha importanza?

L’unica cosa che conta, in fondo, è l’incredibile speranza che Batman si lascia dietro di sé, dopo la guerra, dopo il disprezzo, dopo la sua emarginazione. Ed è forse un caso che questo albo rappresenti per noi italiani anche qualcosa in più?
Enzo Baldoni, il giornalista barbaramente ucciso a Baghdad da un gruppo di estremisti di una guerra stupida come lo sono tutte le guerre, fu il primo traduttore italiano de Il ritorno del Cavaliere Oscuro, arrivato ora alla sua quarta edizione.

Al di là di queste note, The Dark Knight Returns è un’opera meravigliosa, tremendamente moderna, che va assolutamente messa in mano a chi è convinto di poter disprezzare i fumetti senza averli mai letti.

Abbiamo parlato di:
Batman: Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
, Lynn Varley
Traduzione di Susanna Raule
, ultima edizione 2016
224 pagine, cartonato, colori – 20,95€
ISBN: 9788866910886

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio