Recensioni

Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan”

conobbe Alan Ingram Cope per caso nel 1994, durante una vacanza sull’isola di Ré, nell’oceano atlantico Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan” - infanziaalan(non lontano da Angoulème, dove si tiene uno dei maggiori festival del fumetto), dove l’anziano reduce si era ritirato in pensione. Ne nacque una profonda amicizia. Entrati in confidenza, Alan piano piano raccontò la sua intera vita a Guibert che la registrò (in alcuni casi nel vero senso della parola, con un registratore, in altri attraverso schizzi ed appunti).

Dopo la morte di Alan, nel 1999, uscirono, tra il 2000 e il 2008, i tre volumi dedicati a La guerra di Alan (in Italia editi da Coconino Press nel 2008, 2009 e 2010).
Con “L’infanzia di Alan”, l’artista francese prosegue il racconto della vita di Alan, per la quale è previsto ancora un volume che racconterà l’adolescenza dell’amico.

 L’albo si apre con una sequenza a colori che mostra le ampie strade trafficate di Los Angeles, i grattacieli al limite laterale dello sguardo, un monotono paesaggio urbano contemporaneo. Su queste immagini di fredda attualità, anche se scaldate dalla luce avvolgente del paesaggio americano, la voce fuori campo di Alan inizia a raccontare al lettore del passato di quello stesso luogo, creando un effetto straniante. Con la scomparsa del colore, sul bianco e nero abbagliante di una California d’altri tempi, il paesaggio è quello dell’America degli anni Trenta dentro il quale ci accompagnano testo e disegno, molto ben amalgamati.

Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan” - via

Le tavole sono bellissime, ognuna di esse, per composizione, grafica, contrasto, prospettiva e taglio dell’immagine potrebbe ambire alla copertina. Si passa dai disegni ricchi di particolari come quelli delle abitazioni e dei loro interni, alle figure umane che si stagliano su sfondi spogli o sul foglio bianco per esaltarne i gesti o gli atteggiamenti. Spesso molte parti del racconto di Alan sono difficilmente rappresentabili perché non contengono alcuna sequenza narrativa, non c’è lo sviluppo di una trama, ma il semplice ricordo o il commento della vita di quei tempi; in questi casi l’autore riesce a raccontare nel e attraverso il disegno qualcosa in più rispetto al testo, come a esempio lo stretto rapporto fra madre e figlio, il legame particolare con un oggetto, la magia di un luogo. Testo e disegno si fondono alla perfezione, ancor più di quanto lo erano nei tre volumi precedenti.

Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan” - interno3-275x300

Il racconto di Alan non ha nulla di straordinario in questa parte, mentre straordinaria era la situazione di guerra dei tomi precedenti; si tratta della vita quotidiana di una comunissima famiglia americana dell’anteguerra. I ricordi che riguardano i familiari, gli zii, i cugini, i giochi, i traslochi, sono comuni a chiunque altro, ma calati perfettamente nel contesto di un’epoca, resa egregiamente dal disegno e raccontata con la voce straordinaria di Alan. L’americano possiede una capacità comunicativa formidabile, una invidiabile bravura nella sintesi, nella frase ad effetto, nella sottile e diretta ironia, nella forma semplice che mira all’essenziale.
Guibert è stato bravissimo nel selezionare e cucire insieme le parti del materiale raccolto. Sfogliando il fumetto, al lettore sembra di ascoltare dal vero la voce di questo bonario anziano che immagina con l’aspetto di un John Wayne o di un Jean Gabin; non può evitare di immaginare il timbro, il tono e la cadenza della voce

Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan” - spiaggia-170x200

La capacità di Alan nel disegnare immagini con le semplici parole e di Guibert nel creare armonia fra queste imagini col suo tratto preciso, costituiscono l’originalità di questo albo, consegnando all’universalità quelle che sono, per la maggior parte dei casi, banali vicende quotidiane.

Questa è una di quelle rare occasioni in cui il ricordo sembra materializzarsi e rivivere di fronte agli occhi del lettore/ascoltatore, penetrando direttamente sino al suo cuore per sfiorarlo con la delicatezza della poesia.

 

Abbiamo parlato di:
L’infanzia di Alan

Traduzione di Pennisi Guibert D.
Fandango, 2013
161 pagine, brossura, colori/bianco e nero – 18,00 €
ISBN: 9788876182372

 

Quando Alan era un bambino: Emmanuele Guibert firma il prequel de “La guerra di Alan” - padre1

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio