Recensioni

AvX: l’ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel – Parte terza

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - speciale

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - testatina-per-articoli

QUARTO GIRO

I cinque della Fenice sembrano invincibili ma, non hanno fatto i conti con una mutante che ha un potere immenso…

#11

La prima storia di quest’albo è drammatica e travolgente; colpisce piacevolmente anche perché la prima parte è muta, la descrizione degli eventi e i pensieri del protagonista sono scritti nei riquadri laterali e/o centrali (di colore rosso), che non sono solo semplici didascalie ma diventano parte della storia. Il Generale Ross (Rulk) non riesce nell’impresa che si era prefissato (uccidere Ciclope) ma, anche se viene ferito da quest’ultimo, medita vendetta. Una storia che punta sull’approccio militaresco nello scontro con i cinque della Fenice e che amplia il solco tra e .

AvX #4

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - avx4

Premessa. Tra i cinque della Fenice ho trovato fuori luogo Namor, che ha avuto in passato delle ottime caratterizzazioni, qui inesistenti, e Magik (Illyana, la sorella di Colosso), un personaggio troppo ambiguo, scomparso per alcuni anni e ricomparso da poco. Fine premessa
.
In questo numero, le due storie dell’albo non fanno che dar conferma ai dubbi:  Namor è un monarca che ha vissuto e combattuto al fronte, con gli alleati nella Seconda Guerra Mondiale. Qui invece gli autori hanno messo in evidenza solo il suo essere “una testa calda” che decide, in un momento di lucida follia, di compiere un atto di guerra e un pluriomicidio, distruggendo la capitale del Wakanda. Per questo, merita di essere “bastonato” e sconfitto dagli Avengers.
Alla fine dell’albo, dopo la distruzione del Wakanda, i Vendicatori, nuovamente fuggitivi, trovano rifugio nella città di K’un Lun. Altro personaggio che diventa sempre più presente ed importante è Wanda Scarlet.
Ottimo il ritmo narrativo, bella l’impaginazione delle vignette e delle tavole, buoni i disegni di Olivier Coipel (prima storia) e Adam Kubert (seconda storia).

Wolverine e gli #10 

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - WOLVERINE-E-GLI-X-MEN-10Nella prima storia il Gladiatore, Lord Majestor degli Shi’Ar, si scontra con i cinque della Fenice ed ha la peggio. La vera protagonista della storia è Incaparbir (che ha il compito di proteggere il figlio del Gladiatore sulla Terra), della quale leggiamo, con una serie di flashback, i passaggi salienti della sua esistenza e comprendiamo le sue aspettative, il suo stile di vita, fino all’ultima pagina, quando disperata porta tra le braccia in fin di vita il Gladiatore. La storia è molto intensa anche se i disegni di Nick Bradshaw continuano a non eccellere.
La seconda storia dell’albo (sempre collegata alla saga AvX), aiuta il lettore a comprendere i comportamenti di Colosso, di come sta vivendo la sua incarnazione di membro della Fenice ed è intrisa di tristezza perché il lettore si rende conto della follia che si è impadronita del supereroe russo. Molto belli i disegni di Jorge Molina.

Thor e i New Avengers #167


A salvare questo numero ci sono le due splendide storie dei New Avengers, che avrebbero meritato anche la copertina dell’albo, visto che quella scelta, di Simonson, è mediocre.
Le due storie, per il ritmo narrativo, per i dialoghi, per l’impaginazione delle tavole, sono splendide. La seconda, Fuga, è molto drammatica in quanto illude sia i tre Vendicatori protagonisti della fuga, sia il lettore che si immedesima in loro, che tutto ciò che sta accadendo, che si sta leggendo, sia reale, ed invece le ultime tre tavole sono lapidarie: è tutto una simulazione. Gran bella storia!
Aggiungo un’annotazione sulla lettura della prima storia dei New Avengers. Ancora una volta, come per altre saghe della Marvel degli ultimi anni, entra in ballo Spiderman, che gli autori inseriscono come “arma segreta”, per insegnare ad Hope come comprendere meglio il potere della Fenice e prepararla allo scontro decisivo. Mi verrebbe da pensare (come già in passato) che gli autori, quando non hanno più altre idee, inseriscono Spiderman, l’unico supereroe Marvel che funziona sempre e che rialza l’attenzione su qualunque serie.

Gli incredibili X-Men #272

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - image_galleryI cinque delle Fenice, lasciano da parte momentaneamente i problemi con gli Avengers, per cercare, affrontare ed eliminare il temibile Sinistro, rintanato nella sua utopistica Londra, nelle viscere della Terra. Lo scontro sarà devastante e i cinque si troveranno di fronte un’intera comunità di cloni di Sinistro, compresi quelli della defunta Madelyne (ex moglie di Ciclope) e verranno sconfitti. Ma non è tutto perduto, perché, nonostante la loro arroganza, sono in  arrivo i rinforzi, cioè Magneto, Tempesta, Psylocke e Danger, lasciati sull’isola Utopia.
 Molto piacevoli i disegni di Daniel Acuna.

QUINTO GIRO

Nelle storie legate ad AvX #5, ce ne sono alcune collaterali (tie-in) che si riferiscono a momenti della saga di due mesi fa ed altre a momenti della saga che leggeremo il mese prossimo, e questo rende la lettura confusionaria.

Avengers #12

Con quest’albo “salta” il coordinamento editoriale dei vari albi della saga AvX, dal momento che la prima storia si riallaccia ad AvX #4 (pubblicato il mese precedente).

La storia, estratta da Avengers, è molto interessante visto che chiarisce un passaggio narrativo che nell’albo AvX #4 non era chiaro, peccato solo che i disegni di Walter Simonson, non siano al top.

I Vendicatori hanno un bisogno disperato di un telepate, visto che Ciclope ne ha addirittura due, e tendono una trappola per Rachel, nel cimitero delle astronavi in Indonesia. Rachel però non è sola, e c’è un nuovo scontro tra il suo gruppo (Namor, l’Uomo Ghiaccio, Angelo) e quello dei Vendicatori. Ma la trappola per Rachel è rappresentata da Charles Xavier che interviene nel conflitto per la prima volta. Alla fine Xavier ne esce vincitore ma lascia la battaglia, perché prende il sopravvento in lui il ricordo del sogno che persegue da quando accolse i primi cinque X-Men. Addormenta tutti e fa dimenticare la sua presenza alle due fazioni.
Accattivante la copertina di Mike Deodato.

Gli incredibile X-Men #273

Termina lo scontro tra i cinque della Fenice e Sinistro, su “Uncanny X-Men”, grazie all’aiuto di Magneto, Tempesta, Psylocke e Danger. Sinistro viene ucciso, senza nessuna pietà dai cinque mutanti, sempre più posseduti dalla Fenice. Ottimi i disegni di Daniel Acuna, aiutato da Mike Del Mundo.

AvX #5

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - avx5I Vendicatori vanno a riprendersi in Russia i loro compagni prigionieri nelle viscere del vulcano creato da Magik. Lo scontro è terribile e a farne le spese stavolta è Spiderman, che viene massacrato di botte da Colosso.
La prima storia è veramente drammatica, ricorda, per l’intensità, lo scontro finale tra Iron Man e Cap. America in Civil War  ma, in quel caso, c’erano degli ideali a spingere i due contendenti, mentre qui c’è la follia di Colosso ormai posseduto dalla Fenice.

L’Uomo Ragno è uno dei supereroi più fenomenali della Marvel. Il suo senso di responsabilità e il suo coraggio sono la struttura portante di quest’albo, ed anche nella scelta di Hope di affrontare Ciclope, c’è lo zampino del tessiraragnatele (che ha cercato di insegnare a Hope cosa significa la frase “da un grande potere derivano grandi responsabilità”). Per la cronaca : la “rossa” infligge a Scott Summers un bel colpo!
La cosa più triste, da un punto di vista fumettistico, (per i lettori che conoscono bene  le caratteristiche e la personalità dei personaggi mutanti), è la lettura della vignetta in cui alcuni mutanti, compreso Magneto, sono caratterizzati  e visualizzati in maniera banale e superficiale; tant’è che vediamo Erik costretto ad inginocchiarsi di fronte ad Emma, di fronte al vero volto di Fenice, il massimo “dell’assurdo fumettistico”, mi si consenta il termine!
Ed Brubacker nella narrazione del round 10 è davvero impietoso: Ciclope ed Emma sono solo degli involucri vuoti nella mani della Fenice e gli altri mutanti sono solo dei fantocci, non è questo quello che aveva scritto Claremont nei suoi quindici anni di X- Storie.

Thor e New Avengers #168

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - wxm11Doppia storia dei New Avengers; la prima si riferisce ai fatti narrati in AvX #4, la seconda a quelli che dovranno ancora essere narrati in AvX #6 (un po’ di confusione).
Nella prima Cap. America riunisce il gruppo degli Illuminati (i sei eroi che volevano vegliare sul mondo all’insaputa degli altri eroi, all’indomani della guerra Kree-Skrull), senza però ottenere alcun risultato; Charles ha un affetto paterno nei confronti di Scott e abbandona la riunione, mentre Reed Richards, affidandosi al suo intuito scientifico, non considera negative le cose che stanno facendo i “cinque della Fenice”. Quando tutti sono andati via, arriva Namor ed inizia un dialogo con Cap. America  duro e sincero, Namor crede in quello che lui e i quattro della  Fenice  stanno compiendo.
La storia è piacevole, per i molti dialoghi e perché non ci sono scontri gratuiti e banali; inoltre le prime quattro pagine, con i ricordi della seconda guerra mondiale e dell’amicizia tra Cap. America e Namor, sono un dolce amarcord. L’intera storia è disegnata magnificamente da Mike Deodato.

Wolverine e gli X-Men #11

Nella prima storia, tratta da Wolverine e gli X-Men, predominano i dialoghi, il ritmo è rallentato, Aaron si sofferma sullo stato d’animo di quasi tutti gli studenti, specialmente su Kid Gladiator e suo padre (quest’ultimo ancora ferito), che stanno per lasciare la Terra. La vignetta in cui si vedono Wolverine, al centro, ed il suo gruppo di X-Men (Xavier, Bestia, Angelo, Rachel e L’Uomo Ghiaccio) che escono dalla Scuola per andare incontro alla battaglia finale, è molto bella.
Anche la terza e quarta storia dell’albo, estratte da X-Men Legacy, sono legate ad AvX: Rogue si scontra con Magik, dopo essersi resa conto delle atrocità alle quali è sottoposta Miss Marvel nella prigione-limbo, che Illyana ha creato in Russia. Lo scontro tra le due  presenta una serie di “colpi” proibiti, ed alla fine la vittoria è di Magik, che sottomessa al potere della Fenice, spedisce Rogue in un’altro mondo, in un’altra galassia.

 

X-OMAGGI

AvX: l'ennesimo, quasi, inutile cross-over Marvel - Parte terza - X-Omaggi_031
Tempesta e Wolverine di Walter Trono. Clicca sull’immagine per vedere tutti gli X-Omaggi.

Fine terza parte

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio