Cinecomics news

La vita di Adele – Lea Seydoux: “Mi sentivo come una prostituta”

In una nuova intervista concessa nei giorni scorsi al quotidiano britannico The Indipendent, l’attrice , che nelle ultime settimane si è lasciata andare a numerose polemiche verso il regista di La Vita di Adele per i suoi metodi troppo duri durante la lavorazione della pellicola vincitrice della Palma D’oro, ha rincarato la dose affermando di essersi sentita come una prostituta.

Nella scena in cui ci incontriamo per la prima volta, questa dura 20 secondi sullo schermo. Ma abbiamo trascorso 10 ore a lavorare su questa scena, non sto scherzando. Abbiamo fatto 100 ciak Alla fine, stavo per diventare pazza”.

“Certo, a volte è stato umiliante, mi sentivo come una prostituta“, ha poi dichiarato la Seydoux a proposito della scena di sesso presente nel film, per cui ci sono voluti 10 giorni solo perchè venisse girata. “Usava tre cineprese, e quando si deve fingere l’orgasmo per sei ore Non posso dire che non fosse niente. Ma per me è più difficile mostrare i miei sentimenti che il mio corpo“.

A queste nuove dichiarazioni ha risposto polemicamente il regista, il quale ha attaccato l’attrice: ” Se la Seydoux ha vissuto una brutta esperienza, perché è venuta a Cannes… a provare abiti e gioielli per tutto il giorno? E’ un attrice o un artista del red carpet?“.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio