BreVisioni

Dylan Dog #325 – Una Nuova Vita (Ambrosini)

moS42XqXPePQGE8uFI+1k=--drt

É arrivato il fatidico n 325 della serie regolare di , il primo che vede nei credits i nomi di come curatore della serie e FrancoDylan Dog #325 – Una Nuova Vita (Ambrosini) - moS42XqXPePQGE8uFI+1k--227x300 Busatta nelle vesti di coordinatore redazionale. Un episodio scritto e disegnato da , dove troviamo il protagonista coinvolto in cambi d’identità temporali, spettri e un inquietante bambino vestito da Arlecchino. É un numero deludente, per chi lo attendeva come quello della svolta, sceneggiato in maniera surreale dall’autore, che mette in piedi un’improbabile storia di fantasmi che, seppure abbastanza originale e meno prevedibile del solito, non riesce a convincere. Alcune scene, come l’omicidio del prete esorcista, sembrano aggiunte per caso e slegate completamente dal resto della storia mentre i dialoghi sono talmente forzati da rendere i personaggi delle macchiette. Purtroppo anche a livello grafico Ambrosini fornisce una prova insufficiente: Dylan non mantiene mai la stessa fisionomia per due pagine consecutive, risultando scavato in volto in una vignetta e pieno nella successiva. Le anatomie sono sbagliate in più di una pagina e le dimensioni delle mani sono un costante problema per l’autore. Imperdonabili anche alcuni errori di composizione architettonica. Buono invece il lavoro sui neri e sulle ombreggiature. A conti fatti siamo di fronte ad un numero in linea con i precedenti e che, al contrario di quanto suggerisce il titolo, offre ben poco di nuovo.

Abbiamo parlato di:
#325 – Una Nuova Vita

, Settembre 2013
98 pagine, brossurato, bianco e nero – € 2,90
ISBN: 9771121580009

Dylan Dog #325 – Una Nuova Vita (Ambrosini) - Dylan325_01_1377267936421

 

3 Commenti

3 Comments

  1. Foreman85

    13 ottobre 2013 a 14:41

    Veramente deludente…avevo smesso di leggere Dylan e avendo saputo di questa nuova vita a (dove giá nell’editoriale si dice che vedremo tra un anno ?!?) ho deciso di prenderlo e dare una seconda chance.
    Come non detto: a quanto gia detto nell’ottima recensione aggiungo che Groucho fa delle battute pietose, non c’é un colpo di scena, le vicende sono poco chiare e non ho ancora capito perché il dottore vuole uccidere il fratello disabile(la spiegazione che danno non la spoilero ma a me sembra forzata).
    Che dire…non é la solita schifezza a cui ci hanno abituato….é peggio!

    • la redazione

      14 ottobre 2013 a 08:38

      Per onor del vero bisogna chiarire che, come anticipato in rete già da mesi, questa “prima fase e mezzo” della nuova gestione di Dylan Dog presenterà – per ovvie ragioni di tempistiche – storie già in lavorazione con alcuni accorgimenti. E’ quindi certamente presto per trarre chissà quali conclusioni.
      Il tuo commento conferma però la voglia di tanti ex-lettori di ritrovare quel “qualcosa” che ha rappresentato Dylan Dog ai tempi d’oro. E quanto il ventilato rilancio possa attirare lettori di ritorno.

    • Michele Garofoli

      Michele Garofoli

      14 ottobre 2013 a 19:50

      Beh io intanto ti ringrazio per complimenti!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio