Cinecomics news

Mark Millar: Kick-Ass 2 parla delle conseguenze della violenza

kickass1

Mark Millar: Kick-Ass 2 parla delle conseguenze della violenza   - KA2-266x400

Intervistato nei giorni scorsi da Richard Bacon su BBC Radio 5, è tornato nuovamente sull’argomento violenza e su , la pellicola diretta da che nelle scorse settimane ha visto l’attore annunciare pubblicamente di non volere promuovere il film, proprio per i contenuti violenti presenti al suo interno, facendo riferimento alla tragedia della scuola elementare Sandy Hook.

“Kick-Ass è un film che parla interamente circa le conseguenze della violenza. Siamo così abituati alla natura quasi pornografica della violenza in qualcosa di simile a film come Die Hard o White House Down dove ci sono esplosioni e 200 persone muoiono, o in un film di Superman, dove centinaia di migliaia di persone stanno morendo, ma dove non si vede il lutto o il dolore. Ma in Kick-Ass si sente ogni colpo“, ha sostenuto Millar.

Lo sceneggiatore ha poi fatto riferimento proprio alla sparatoria alla scuola elementare avvenuta alcuni mesi fa, affermando che il progetto cinematografico è del tutto scollegato da quell’evento o da altri simili: “Non ci sono sparatorie nelle scuole superiori. Ci sono pistole, naturalmente, ma ci sono state le pistole anche nel primo film. Ci sono state queste tragedie terribili tutte insieme, se andiamo a guardare indietro negli anni. Purtroppo abbiamo avuto questi problemi, ma non hanno niente a che fare con il film“.

La scorsa settimana, Millar aveva risposto alla scelta operata da Carrey di non promuovere il film in maniera più irriverente e sarcastica, affermando di essere felice perché questo significava un risparmio di 30 milioni di dollari sulla pubblicità.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio