BreVisioni

Wonder Woman #14 (AA.VV.)

Wonder Woman #14 (AA.VV.) - wonder_woman_14

L’arrivo di su Firestorm rappresenta in parte una delusione, non tanto per la storia, ben scritta e con un’ottima gestione dei personaggi, o per la deriva adolescenziale della serie, tutto sommato coerente con i protagonisti del serial, ma perché rappresenta la sconfitta di un’idea narrativa, quella dell’uso del protocollo Firestorm per la creazione industriale di supereroi. A Jurgens quindi spetta un compito difficile: riportare l’eroe alle atmosfere classiche. Il primo passo è stato fatto tutto sommato bene e il promesso scontro con Capitan Atom contribuirà a rimettere sui giusti binari la serie.
Su prosegue la rifondazione del mito dell’amazzone creata da William Moulton Marston: , accompagnato da Tony Akins ai disegni, manda Diana alla ricerca di uno degli altri figli di Zeus nati nel XX secolo. Azzarello in questa occasione è bravissimo a sintetizzare lo spirito del personaggio in un’unica storia: nella scena ambientata nel deserto si pensa alla di Paul Dini e Alex Ross, eroina dei deboli e paladina della pace. Dal canto suo Akins porta a casa una buona prova grazie al suo stile chiaro e pulito, ma l’albo, soprattutto per il finale ricco di tensione e tendente all’horror, sembra scritto appositamente per Cliff Chiang, il disegnatore titolare.
Completa l’antologico il 2.o numero di Ray, serie tragicomica di , e Jamal Igle, che alla fine ti fa dire: peccato che sia troppo tragedia e ben poco commedia, e con un idiota come il nuovo Ray e’ decisamente una pecca.

Abbiamo parlato di:
Wonder Woman #14
, Tony Akins, , , Jamal Igle,
Traduzione: Matteo Mezzanotte
, Maggio 2013
72 pagine, spillato, colore – € 4,95
ISBN: 9788866915171

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio