Cinecomics news

San Diego: I,Frankenstein – Edge of Tomorrow

Presentati alla San Diego Comic Con anche altre due pellicole tratte da fumetti, ovvero I, , adattamento del graphic novel di Kevin Grievoux e , trasposizione cinematografica di All You Need is Kill di Hiroshi Sakurazaka.

Il primo, presentato durante il panel della Lionsgate,  che ha visto la presenza del regista Stuart Beattie e degli attori , Yvonne Strahovski  e di Grievoux, è stato descritto da Beattie come una versione aggiornata del di Mary Shelley che porterà il pubblico a guardare il personaggio sotto una nuova luce. Durante la conferenza, è stato mostrato al pubblico un primo trailer della pellicola, che ha difatti sottolineato le affermazioni del regista.

Nel filmato infatti Eckhart è raffigurato come un mostro di Frankenstein che combatte le minacce soprannaturali utizzando una combinazione di varie arti marziali. Molte delle scene, stando a quanto dichiarato dall’attore, sono state girate senza l’ausilio di una controfigura e dopo un duro allenamento durato sei mesi. La Strahovski invece interpreta uno dei due soli esseri umani presenti nel filmuna scienziata che quando la incontriamo per la prima volta sta facendo rivivere in laboratorio un topo morto. 

Il protagonista ha dichiarato che nell’interpretare il suo personaggio ha cercato di tenere conto dellla versione originale di Mary Shelley rendendo il mostro oscuro e solitario, mentre Beattie ha spiegato che la creatura impersonata da Eckhart è differente da quella mostrato in passato. Le sue cicatrici infatti hanno la caratteristica di guarire e cambiare nel corso dei secoli, portandolo infine all’aspetto che assume nella parte della pellicola ambientata nel mondo moderno.

Il film, ha infine aggiunto Beattie, parla del bene e del male, e di come Frankenstein sia alla ricerca della sua anima e del suo posto nel mondo. 

Nel corso del panel Warner Bros. è stato invece presentato , diretto da Doug Liman e interpretato da  e , entrambi presenti alla conferenza assieme al co-protagonista Bill Paxton.La pellicola narra la storia di una invasione aliena contrastata dall’umanità e in cui il personaggio principale alla fine di ogni battaglia muore per poi ritornare in vita e affrontare tutto nuovamente.

San Diego: I,Frankenstein - Edge of Tomorrow - emilybluntomcruise

Cruise ha ringraziato lo sceneggiatore Christopher McQuarrie e il lavoro da lui effettuato sullo script, soprattutto per per quanto riguarda l’umorismo e l’unicità che lo distinguerebbero da altri film del genere sci-fi. La Blunt ha invece sottolineato di come per prendere parte alla pellicola abbia dovuto sottoporsi  a un duro allenamento fisico e imparare il Krav Maga, una disciplina di arti marziali molto complicata.

Il protagonista ha poi descritto il suo personaggio come un ragazzo addetto alle PR che promuove il lavoro dei militari in guerra, quando, attraverso alcune circostanze, finisce in battaglia. Il suo personaggio inizia così ad affrontare il conflitto come un codardo. Paxton ha detto che il film ha un umorismo perverso, ma anche un sacco di cuore. Il suo personaggio, un sergente istruttore, ha il ruolo di mettere alla prova il personaggio di Cruise con delle situazioni estenuanti. Assieme a questo, da sottolineare che la struttura narrativa del personaggio principale fa sì che questi mantenga i propri ricordi ogni volta che ritorna indietro nel tempo, mentre per il personaggio della Blunt, ogni incontro con Cruise è del tutto nuovo.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio