Nuvole di celluloide

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel’s Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - the_wolverine_2013_movie-wide2

The Wolverine

Tutto è pronto ormai per l’uscita nelle sale del nuovo adattamento cinematografico dell’artigliato mutante canadese, prevista per i prossimi giorni, e continua incessante la campagna promozionale da parte del regista e del cast di protagonisti, primo tra tutti ovviamente l’attore Hugh Jackman, il quale nei giorni scorsi ha parlato in maniera dettagliata della pellicola durante una conferenza stampa avvenuta a New York, sottolineando le sue sensazioni circa il tornare a interpretare Logan per la sesta volta, e con una settima apparizione già prevista in X-Men: Days of Future Past il prossimo anno.

“In realtà mi sto divertendo nell’interpretarlo ora più che mai. Ho recentemente riflettuto sul perché di questo. Wolverine ha un età tra i 150 e i 300 anni, e alcune volte quando mi sono svegliato alle quattro del mattino, ho sentito come se anche io avessi circa 300 anni. Ma forse mi sto godendo questo ora, semplicemente perché sono un po’ più vecchio”.

L’attore ha poi parlato ampiamente delle atmosfere della pellicola, ambientata per la maggior parte in Giappone, e dell’idea di fornire ai fan e al pubblico quello che sarebbe stato un capitolo “definitivo” per quanto riguarda l’interpretazione del personaggio.

“Col passare del tempo, l’idea di fare una sorta di film definitivo per Wolverine è cresciuta nella mia mente. E’ una grande storia su di un pesce fuor d’acqua, il quale viene portato in un posto per lui completamente estraneo, dove si sente veramente scardinato e non conosce nessuno. Lui è un outsider naturale, e i costumi e l’atmosfera e il codice d’onore dei samurai sull’obbedienza, è tutto l’opposto di Wolverine. E’ il luogo perfetto in cui inserire il personaggio”.

Riguardo l’ambientazione in Giappone della pellicola, l’attore Hiro Sanada ha parlato di come il paese del Sol Levante sia stato rappresentato in maniera autentica, con il giusto rispetto da parte della produzione.

“Un sacco di film vengono ambientati in Giappone, e ci sono un sacco di malintesi e incomprensioni circa la nostra cultura. Ma la crew di Wolverine: L’immortale ha studiato molto e rispettato la nostra cultura. Quando ho visto il film, ero molto felice. Questo film ha un grande equilibrio e una piacevole miscela tra Occidente e Oriente, tra tradizione e modernità. E’ un Giappone supermoderno con un po’ di nostalgia. Sembrava come un assaggio di tutti i classici film giapponesi, ma impostato in un Giappone moderno. E penso che sia una grande miscela”.

Dal canto suo, e sempre rimanendo in ambito orientale, Hugh Jackman ha avuto parole di elogio e ringraziamento per due delle co-protagoniste del film, le giapponesi e , due attrici praticamente agli esordi in una grande produzione.

“E’ una cosa molto scoraggiante quando fai il tuo primo film. E quando il tuo primo film è grande come questo, c’è un sacco di pressione. Sono orgoglioso per quello che queste donne hanno raggiunto. E tanto di cappello a Jim [ ndt], perché ci sono pochi registi con tale fiducia in se stessi da assumere nuovi arrivati per ruoli così fondamentali. Credo che questo aiuti il pubblico a entrare in questo mondo di Wolverine e accettarlo come un mondo nuovo, senza sapere cosa possa succedere. Sono molto orgoglioso di loro”.

Uno dei riferimenti presenti nel film e riguardante il passato del personaggio, è quello inerente la morte di Jean Grey, avvenuta in X-Men: Conflitto Finale, e di cui ha parlato l’attrice Famke Janssen, che torna a interpretare il ruolo in uno speciale cameo.

“Il rapporto tra Jean e Logan è una parte così importante dei film sugli X-Men, e cosa accade a Logan dopo quel fatto: vivere con il senso di colpa, la riconciliazione con il suo passato, e il fatto che, in qualche modo, Jean lo guidi e lo sfidi per aiutarlo a trovare una strada attraverso questa parte del suo passato – ha detto la Janssen – penso che sia davvero un bel modo come hanno finito per incorporare tutto questo nella storia. Dà al pubblico e al personaggio di Hugh per avere una sorta di riconciliazione con quel grande e triste momento accaduto in X-Men: Conflitto Finale”.

La presenza di Jean Grey riporta al centro il fatto che in questo film per la prima volta non vi sia una sovraesposizione di mutanti, un fattore questo voluto fortemente dal regista , il quale ha poi spiegato quello che voleva mostrare al pubblico.

“Quello che volevo vedere nel film era il sudore, il sangue, gli occhi e azione. Wolverine non è Spider-Man. Lui non è Superman. Non riesce a saltare e afferrare un 747 e volare nell’atmosfera. Lui ha artigli e uno scheletro, ed è un tipo amaro e scontroso e guarisce rapidamente…questo è tutto”.

Diffuso nel frattempo un nuovo spot internazionale con molte sequenze inedite.

 

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - x-men-days-of-future-past-banner

X-Men: Days of Future Past

Durante i numerosi incontri con i giornalisti avvenuti nei giorni scorsi per la promozione di Wolverine: L’immortale, Hugh Jackman non ha potuto fare a meno di rispondere ad alcune domande inerenti il nuovo capitolo cinematografico sui mutanti Marvel, di cui sono in corso le riprese da alcuni mesi, esprimendo tutto il suo entusiasmo sul lavorare nuovamente con i colleghi della vecchia trilogia, oltre ovviamente con i nuovi.

“E’ stato fenomenale. Penso che tutti gli attori che facevano parte di questo prima amino essere di nuovo insieme e tutti sono entusiasti. E’ davvero una grande storia, un grande concept, e nel mio ruolo di Wolverine, io recito con tutti loro. Voglio dire, è veramente il più grande gruppo mai messo assieme, quindi mi sto davvero divertendo.

L’attore ha infine sottolineato che la storia dovrebbe divergere in alcuni punti da quella narrata nel fumetto, aggiungendo che in Wolverine: L’immortale ci sarà una sequenza durante i titoli di coda riguardante il nuovo film sugli X-Men.

“Fiero di dire che ci sono alcune differenze…non credo che i fan vogliano necessariamente il fumetto trasferito interamente su pellicola. E’ necessario lasciare che loro indovinino cosa possa accadere e mantenerli emozionati, oltre che farlo funzionare nel linguaggio filmico, e non solo nel linguaggio dei fumetti. Se restate dopo i titoli di coda vedrete una piccola anteprima del prossimo film di Bryan [Singer ndt].

Nel frattempo,il regista Bryan Singer ha confermato nei giorni che l’attore Lucas Till tornerà a interpretare il ruolo di Alex Summers/Havok, postando una immagine del personaggio su twitter, che farebbe sospettare un suo coinvolgimento nella guerra in Vietnam, terminata nel 1973, epoca in cui si svolge la pellicola.

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - havok

 

 Officer Downe sul grande schermo

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - officerdowne

Heat Vision riporta che Officer Downe, il graphic novel scritto da e disegnato da Chris Burnham sarà trasposto in un adattamento per il grande schermo che sarà diretto da Shawn “Clown” Crahan e basato su uno script dello stesso Casey.
Il grapchic novel racconta le vicende di un poliziotto di Los Angeles, che viene ucciso nell’adempimento del dovere, ma viene resuscitato telecineticamente dai suoi superiori e rispedito in mezzo alle strade. La pellicola sarà prodotta da Casey attraverso la sua Man of Action Studios, in collaborazione con Skip Williamson e Mark Neveldine, uno dei registi di Ghost Rider: Spirit of Vengeance, mentre Cory Brennan parteciperà in veste di produttore esecutivo.
L’adattamento segnerà il debutto sul grande schermo come regista di Crahan, meglio noto per aver fondato la band rock Slipknot, di cui ha diretto numerosi video musicali.

 

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - Avengers_Acura_ShieldOpsSite2

Marvel’s Agent of S.H.I.E.L.D.

Intervistati nei giorni scorsi da Huffington Post, gli attori Iain DeCaestecker e Elizabeth Henstridge hanno parlato degli agenti Fitz e Simmons, da loro interpretati in Marvel’s Agent of S.H.I.E.L.D., descrivendo i loro personaggi e le loro relazioni.

“Hanno un rapporto fratello/sorella – ha dichiarato la Henstridge – sono così entusiasta di tutto. Sono molto orgogliosa di far parte della squadra”. “Hanno un loro linguaggio personale, che fa sì che loro siano in un loro mondo rispetto a tutti gli altri”, ha invece aggiunto DeCaestecker.

Nel frattempo. è stato annunciato che sarà il compositore Bear McCreary a realizzare le musiche della serie ABC. McCreary è molto noto per avere lavorato a serial quali Battlestar Galactica e The Walking Dead, e lui stesso sul suo blog ha espresso tutto il suo entusiasmo per il serial Marvel in un comunicato.

“I lettori del mio blog sanno che le storie di supereroi e le loro colonne sonore hanno avuto un enorme impatto sin da quando ero un bambino. Sono cresciuto con Batman: The Animated Series, Superman, Teenage Mutant Ninja Turtles, Spider-Man e X-Men. Nei miei sogni ad occhi aperti, le loro avventure rombavano con roboanti e svettanti melodie orchestrali. Ho sempre voluto scrivere musica per questo genere. Ora, ho l’opportunità di contribuire con della musica originale alla continua espansione dell’Universo Marvel? E ho una orchestra sinfonica a mia disposizione ogni settimana per farlo? E riuscirò a lavorare con Joss Whedon e il suo notevole team creativo? Bene, improvvisamente mi sono preoccupato che la mia vita potrebbe in realtà essere un sogno, che io possa improvvisamente svegliarmi in terza elementare, dopo essermi addormentato durante la lettura degli X-men. Se questo è un sogno, ho intenzione di amare ogni minuto di esso fino a quando mi sveglio”.

 

The Flying Man

Tra le produzioni ad alto budget sui personaggi tratti dai fumetti, per un momento ci soffermiamo su un piccolo corto che a una settimana circa dal suo debutto, sta interessando molte persone: The Flying Man.
Diretto, montato, scritto e prodotto da Marcus Alqueres, un giovane regista di Toronto, che ha lavorato anche per Hollywood in film quali L’alba del pianeta delle scimmie e Source Code, il corto descrive la prima apparizione nel mondo di un supereroe e il suo impatto sulla società moderna, assieme alle discussioni etiche sulla sua apparizione. Lo potete vedere proprio di seguito.

 

 Toshiue No Hito

Annunciata nei giorni scorsi la produzione di un adattamento live action del manga romance Toshiue No Hito di Ryuta Amazume. Il progetto dovrebbe approdare nei cinema prima che questo venga distribuito per il mercato home video in Dvd da 60 minuti. Il manga è incentrato su Tsutomu, uno studente universitario preoccupato circa la sua virilità, e la sua relazione con Ageha, una bellissima donna di cinque anni più vecchia di lui. L’attore Shinpei Takagi interpreterà il protagonista, mentre l’attrice e modella Shiho sarà Ageha.

 

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - ripd_banner

Intervistati nei giorni scorsi da CBR, gli attori Jeff Bridges, Ryan Reynolds e hanno avuto modo di parlare di , l’adattamento cinematografico diretto da Robert Schwentke dell’omonima serie targata Dark Horse.
Nel parlare del suo personaggio, Proctor, un ufficiale superiore del R.I.P.D., la Parker ha voluto sottolineare le differenze sostanziali tra se stessa e il ruolo da lei interpretato, soprattutto per quanto riguarda i suoi co-protagonisti, che Proctor non sopporta nella pellicola, ma da lei adorati durante l’intera lavorazione.

“Sono entrambi cosi amorevoli e differenti. Entrambi lavorano molto, molto duramente. Sono entrambi molto impegnati e sono due uomini impressionanti. Penso che ci siano tre persone come loro in tutto il pianeta. Loro sono sorprendenti”.

L’attrice ha poi descritto una simpatica sequenza presente nella parte finale della pellicola, e che riguarda la simpatia che il suo personaggio ha per Roy (Bridges). Proctor infatti morde e tira la sua barba, una scena che la Parker non pensava sarebbe stata inserita, con sua grossa sorpresa.

“Ho saputo solo cinque minuti fa che è sempre stata nel film. E’ stata una di quelle scelte che si fanno che non credo avrebbe mai visto la luce del giorno. Non ho chiesto, perché non pensavo che l’avrebbero usata. Stavamo facendo un altro ciak e ho detto ‘che ne dite di questo?’ e Robert [il regista ndt] ha detto: proviamo qualcosa di differente”.

Un altra cosa bizzarra sottolineata dagli attori è stato un particolare vizio che i loro personaggi, i Deados, hanno nel film, ovvero mangiare cibo indiano. Una particolarità questa che Reynolds ha descritto come più rischiosa di una qualsiasi scena d’azione.

“Mangiare nei film. Le persone non si rendono conto che questa è la più grande scena d’acrobazia di tutte. Quando si vede qualcuno mangiare e deglutire il cibo, tu sai che quel tizio ha girato sei differenti versioni della scena e ha inghiottito ogni volta”.

 

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - dv240720__amazing_spider-man

Intervistata da Empire, l’attrice Shailene Woodley ha avuto modo di parlare per la prima volta della scelta attuata dal regista Marc Webb di tagliare il personaggio di Mary Jane Watson dal sequel per questioni narrative, riservandosi di farlo apparire nei prossimi film sull’arrampicamuri.

“Lei appare solo in quattro scene. Penso che sia davvero incredibilmente intelligente che lei non sia in questo film, perché stanno introducendo così tanti personaggi e MJ è un personaggio così importante che ha senso tenerla a bada per introdurla nei film futuri”.

La Woodley ha inoltre confermato che nelle sequenze da lei girate ha anche pronunciato la famosa frase di Mary Jane: “Tigrotto, hai appena fatto centro!”.

 

Continuum sul grande schermo

Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - continuum

La Relativity ha acquisito nei giorni scorsi i diritti per portare sul grande schermo Continuum, la serie a fumetti pubblicata da Arcana, la cui sceneggiatura sarà scritta da Greg Russo.
La serie è ambientata sulla Terra, 175 anni dopo che questa è stata devastata da un attacco nano-terrorista [effettuato con nano-tecnologia, Nano-Carlo], con la razza umana ormai quasi completamente scomparsa. Un team formato da uno storico e alcuni soldati viene così spedito indietro nel tempo nel mondo del presente per scoprire chi fu a compiere il terribile attacco e perché.
La pellicola sarà prodotta da Atlas Entertainment e Benderspink, in collaborazione con Sean O’Reilly della Arcana Comics e Jason Barhydt della Relativity.

 

Diane Nelson parla dei film DC Comics

Intervistata nei giorni scorsi da The Hollywood Reporter, Diane Nelson, presidente di DC Entertainment, ha avuto modo di parlare delle produzioni cinematografiche sui fumetti della casa editrice realizzati da Warner Bros., oltre che sul successo di Man of Steel.

“Non so perché siano stati così lenti [riferendosi alla Warner Bros.]. Penso che ci sia stata una strategia molto concertata che è stata guidata da Jeff [Robinov ndt] di lavorare con i migliori registi del settore per eseguire la loro visione del giusto film per le giuste proprietà. Questo può significare una strategia un po’ più mirata e particolare su quali personaggi portare sullo schermo al contrario di quello che la Marvel ha fatto così brillantemente. E io do loro un credito enorme con quello che stanno facendo, ma la nostra strategia è diversa da quella. Penso che più “precisa” sia la parola giusta. E’ una visione specifica da parte di un filmmaker specifico. Penso che Chris [Nolan] e Zack abbiano davvero dato ai fan quello che costoro sentivano in qualche modo di non avere avuto, almeno parzialmente, nell’ultimo film di Superman. La gente voleva vedere Superman prendere i cattivi a calci in culo. E lo fa in questo film. Si, fa un sacco di altre cose grandi – Henry [Cavill] porta il personaggio alla vita in modo così bello, e la dinamica tra Clark e Lois è presente, ma la gente voleva vedere Superman essere Superman.”

 

Cinebrevi

Diffuso il primo poster ufficiale dell’adattamento cinematografico di Black Butler, la cui uscita è prevista in Giappone per il 18 Gennaio 2014. Nuvole di Celluloide: The Wolverine, Marvel's Agent of S.H.I.E.L.D, X-Men: Days of Future Past - blackbutler

 Diffuso un nuovo spot di .

Diffusi alla San Diego Comic-Con due poster promozionali di Edge of Tomorrow, l’adattamento di All You Need is Kill di Hiroshi Sakurazaka, raffiguranti  e l’attrice Emily Blunt.

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio