Home > Notizie > Nuove Uscite > Torna disponibile “Gli Occhi del Gatto”, capolavoro sperimenta​le di Alejandro Jodorowsky e Moebius

Torna disponibile “Gli Occhi del Gatto”, capolavoro sperimenta​le di Alejandro Jodorowsky e Moebius

Comunicato Stampa

GLI OCCHI DEL GATTO: L’INTEGRALE Torna disponibile "Gli Occhi del Gatto", capolavoro sperimenta​le di Alejandro Jodorowsky e Moebius - GliOcchiDelGatto_Cover-219x300

Nel 1978 e realizzarono “Gli occhi del gatto”, pubblicato poi nel primo, leggendario numero di Métal Hurlant. E il fumetto non fu più lo stesso, dimostrando che la pagina può essere considerata tanto uno schermo cinematografico, quanto un sipario teatrale.

Un’opera di nuovo disponibile nel mercato italiano, presentata nel formato originale.

Dall’introduzione di Alejandro Jodorowsky

“È stato il caso a decidere del mio incontro e della mia amicizia con Moebius. La forza che ci ha spinti a creare insieme la nostra opera fumettistica doveva essere senza alcun dubbio di natura magica. […] Proposi a Jean una storiella con cui, in cinque tavole, raccontavo la storia di un ragazzino cieco. Moebius trovò lo spunto affascinante, ma la storia si chiudeva in cinque pagine, quando ce ne servivano venticinque. ‘Faremo a meno della struttura convenzionale’, gli risposi. Ogni qual volta finiva una tavola, mi telefonava. E io, spinto da insanabile curiosità, saltavo in macchina e andavo a trovarlo. Per ammirare ciascuna di quelle magiche tavole dovevo percorrere cinquanta chilometri all’andata e cinquanta al ritorno. Cento chilometri in tutto, che avrò ripetuto venticinque volte. Come dire 2500 chilometri da me dedicati esclusivamente a Gli occhi del gatto. E non mi pesò affatto. L’arte di Moebius merita questo, e ben altro ancora. Alejandro Jodorowsky, Parigi, 29 luglio 2011

 www.magicpressedizioni.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.