Cinema e TV

“Man of Steel” di Zack Snyder: il rilancio di Superman al cinema

"Man of Steel" di Zack Snyder: il rilancio di Superman al cinema

"Man of Steel" di Zack Snyder: il rilancio di Superman al cinema - Supermansteel

Cinematograficamente parlando, fin dal 1978 l’ombra del Superman di Richard Donner si è stagliata imponente sulle produzioni basate sul supereroe DC Comics, schiacciandone in partenza tutte le potenzialità. Uno degli esempi più fulgidi è certamente il Superman Returns di Bryan Singer, che, appena sette anni fa, tentò di rilanciare sul grande schermo l’uomo del domani con una pellicola troppo debitrice del kolossal interpretato da Christopher Reeve, trasformando il tutto in un giocattolone citazionista noioso e senz’anima.

Era qundi ovvio che la Warner Bros., anche sulla scia del successo ottenuto dalla trilogia del Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, ritentasse la carta Superman, cercando di ridare vigore e forza al personaggio ricostruendone le fondamenta cinematografiche, debilitate e cedevoli dopo più di 30 anni di incertezze, ma desideroso di una nuova chance. Da questo punto di vista, il di ha centrato pienamente l’obiettivo, puntando su un film in cui il centro della storia fossero le origini del personaggio e la percezione della sua natura aliena, non solo da parte di se stesso ma anche di coloro che lo circondano.

È in questo contesto che sta la forza della pellicola, non esente ovviamente da molti difetti, in cui la sceneggiatura di David S. Goyer puntella con numerosi flashback (mai eccessivi) la personalità, mostrando prima il bambino, poi l’asdolescente e infine l’uomo adulto, votato alla ricerca e all’accettazione del proprio ruolo. È questa la parte più interessante del film, sospinto anche dalla saggezza di un Jonathan Kent (un ottimo Kevin Costner), mai così ben delineato sullo schermo come bussola morale del protagonista.

"Man of Steel" di Zack Snyder: il rilancio di Superman al cinema - manofsteel3

Un protagonista che vede in finalmente un ottimo Superman che ha il dono della parola, a differenza del precedente e troppo silenzioso Brandon Routh, e capace di costruire una interpretazione che riesce a donare una personalità completa al personaggio di Kal-El/Clark Kent. A fare da antagonista è il generale Zod di , un villain tutto d’un pezzo le cui motivazioni ideologico/militari ne fanno un avversario inflessibile fino alla drammatica conclusione.

A convincere di meno è la Lois Lane di Amy Adams, personaggio troppo importante che non viene caratterizzato a dovere, facendone la solita reporter d’assalto monodimensionale. Nonostante in più di una occasione sia palese il tentativo di trasformarla nella valvola di sfogo del protagonista, soprattutto per quanto riguarda l’accettazione della sua natura aliena, il tutto viene solamente accennato e mai approfondito, complici anche alcune dialoghi davvero banali messi in bocca alla giornalista in più di una occasione.

Promozione a pieni voti anche per il Jor-El di Russell Crowe, che riesce a infondere una caratterizzazione decisa al personaggio, solamente abbozzata in precedenti incarnazioni. è quindi una reinvenzione riuscita dell’eroe venuto da Krypton, che come già sottolineato presenta alcuni difetti, come alcune delle tematiche seminate nel corso del film, molte delle quali avrebbero meritato una maggiore analisi, ad esempio la natura eugenetica dei kryptoniani.

"Man of Steel" di Zack Snyder: il rilancio di Superman al cinema - manofsteel12

Mentre in alcuni frangenti, soprattutto all’inizio, si possono percepire evidenti tagli apportati in sala di montaggio, si veda il troppo frenetico prologo sul morente pianeta Kryptoniano. Anche la spettacolarità della imponente battaglia finale, forse una delle migliori per quanto riguarda un film tratto da un fumetto, troppe volte eccede in una orgasmica follia distruttiva degna del peggior Transformers.

Difetti che comunque non ledono una pellicola che si conferma un ottimo rilancio (ed era ora) per Superman al cinema, e il cui sequel potrà confermarne o meno le potenzialità già dimostrate in questo primo capitolo.

2 Commenti

2 Comments

  1. Carlo Coratelli

    Carlo Coratelli

    23 luglio 2013 a 23:03

    Superman Returns era un sequel nato male per moltissime ragioni. La prima e forse l’unica è stata innanzitutto il volere a tutti i costi adagiarsi nell’ombra dei film di Donner, una scelta quella di Singer che ha ammazzato letteralmente il film e qualsiasi novità un nuovo adattamento di Superman potesse portare dopo anni di rinvii. Ne ha pagato la trama, con un copia e incolla per niente originale del piano di Luthor, preso pari pari dal primissimo film (sempre di Donner) e un volere a tutti i costi riportare atmosfere che nel 2006 erano ormai già vecchie.

    Ma non credo di dire qualcosa di nuovo per quanto riguarda quel film. Cose risapute.

    Questo film non ha ripetuto quegli errori. Come ho già scritto non è esente da difetti, ma svecchia il personaggio, riesce a coinvolgere nelle scene d’azione (SR aveva due sequenze in tutto il film) e si scrolla di dosso il Superman di Donner (ed era ora), oltre che donarci un interprete che parla (a differenza di Brandon Routh) e una chiave di lettura sulla diversità vissuta dal protagonista che non era mai stata affrontata.prima come in questo film. E per me questo vale il biglietto.

    Poi, ognuno ha le sue opinioni.

  2. Giuseppe (@the_white_cloud)

    23 luglio 2013 a 16:56

    Non sono molto d’accordo con l’articolo: “Superman returns” non era un giocattolone citazionista, era un sequel che andava a riprendere la storia dove Superman 2 l’aveva lasciata. Era inevitabile che fosse così, non era un film come la trilogia di Nolan su Batman.
    Per quanto riguarda “Man of Steel”, un punto a favore sono sicuramente i flashback, e la caratterizzazione di Jonathan Kent, di Jor El, del generale Zod. Così come è indubbiamente di buona fattura tutto quello che precede la vera entrata in scena di Superman. La paura dei militari, per esempio.
    Ma quando Superman entra davvero in azione, è una delusione.
    Profonda.
    Azione degna di “Transformers”, e dialoghi con Lois assurdi, come quando le chiede di allontanarsi un po’, perché deve prendere il volo: “Ancora un po’”. E di nuovo. Fa venire voglia di chiedersi se voglia davvero decollare, o continuare a vantarsi dell’onda d’urto per mezz’ora.
    Quanto poi all’eugenetica dei Kryptoniani: soffermarcisi di più, sarebbe equivalso a un documentario su Krypton. Se c’è una cosa che si è capita è che nel benedetto Codice ci sono i patrimoni genetici dei Kryptoniani, e che generare un figlio naturalmente sia considerato eresia, come tuona Zod.
    Senza contare poi una cosa: una delle meccaniche della storia di Superman, è l’effetto “Don Diego de la Vega” : sono un supereroe, sono ogni giorno a contatto con la donna che amo, una donna curiosa e intelligente, ma non posso dirglielo. Di più , devo difendermi dal suo indagare. Ecco, qui lo scopre subito, così anche questo va a farsi benedire.
    Capisco che “Superman returns” possa non piacere, ma era un sequel ben fatto. Questo è un reboot malriuscito.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio