Home > Articoli > Recensioni > Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17

Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17

Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17 - devil17

Anche la testata targata Panini dedicata al Diavolo Rosso si rinnova ed entra nell’alveo dell’evento Marvel Now e presenta, oltre alla principale Daredevil a firma , la nuova testata dei Thunderbolts diDaniel Way/Steve Dillon e Punisher War Zone dell’accoppiata e , che riprende in’un ottica del tutto nuova le ultime vicende riguardanti il vigilante Marvel.

Fin dalla loro nascita, i Thunderbolts si sono contraddistinti, oltre per l’idea dei “lupi travestiti da agnelli” alla base della loro formazione originale, anche per come negli anni i vari autori succedutisi alla guida della testata hanno saputo cogliere aspetti e personalità di molti supercriminali minori dell’Universo Marvel: portandone alcuni sotto una nuova luce, lasciando ad altri la loro ambiguità morale, sempre e comunque nell’ambito di una testata in cui l’evoluzione dei personaggi è sempre stata al centro dell’attenzione.
È in questo quadro che Way riprende il nome dei Thunderbolts, ma sotto una chiave del tutto rinnovata, grazie a una formazione che racchiude al suo interno i principali antieroi della Marvel, da Hulk Rosso al Punitore, da Elektra a Deadpool fino al nuovo Venom.

Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17 - Thunderbolts_1_Preview3

Capiamo subito funzioni e scopo di questo nuovo gruppo. A spiegare è un generale Ross più determinato che mai, che riprende  la sua  leadership, caratteristica questa un po’ messa in ombra negli ultimi tempi da parte della Marvel per utilizzare a pieno il suo massiccio alter ego rosso.
A delineare ancora di più le caratteristiche del nuovo gruppo, ma anche della linea narrativa che Way si accinge a seguire, Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17 - Thunderbolts1_Cvrci pensano le tavole di uno Steve Dillon come sempre a suo agio nel descrivere situazioni paradossali e violente, oltre che nel tratteggiare con semplici sguardi il cinismo apparentemente normale che uno o più personaggi (in questo caso Frank Castle e Ross) riescono a dimostrare fino alla conclusione della storia, lasciando presagire interessanti sviluppi per questa serie.

Altri ingredienti di questo albo, che ne confermano ancora di più l’alto livello qualitativo, sono il Punitore di Rucka e, soprattutto, il Devil di Waid. Nel primo caso, splendidamente offerto dalle tavole di un Giandomenico in formissima, osserviamo il vigilante fare i conti con le tragiche conseguenze dell’attacco all’organizzazione criminale nota come il Consorzio, in cui scendono in campo per fermarlo direttamente i Vendicatori. Con Devil continuiamo a leggere uno dei migliori cicli di sempre del personaggio.

Lo sceneggiatore continua a mettere insieme i pezzi sparsi negliultimi mesi, che hanno portato Matt Murdock a essere letteralmente cacciato dallo studio legale da parte del collega Foggy Nelson. Waid tratteggia un racconto in cui realtà e finzione si confondono, e in cui il recente passato dell’eroe Marvel e il suo matrimonio con la sfortunata Milla Donovan tornano a perseguitarlo fino a un inquietante finale, che sembra solo la punta dell’iceberg di una ennesima discesa negli inferi (o nella pazzia) del personaggio. A fornire la sensazione di una vera e propria passeggiata in un incubo a occhi aperti ci pensano non solo i testi, ma anche i disegni di Chris Samnee, le cui chine donano la giusta atmosfera alla storia presente in questo albo.

Marvel Now!: Devil & I Cavalieri Marvel 17 - 2547774-daredevil_18_preview2

Ciliegina sulla torta, un vecchio racconto del 1985 firmato da O’Neil/Mazzuchelli, perfetta chiusura di una testata che appare tra le migliori dell’intero parco .

Abbiamo parlato di:
Devil & I Cavalieri Marvel 17
Mark Waid, Chris Samnee, Daniel Way, Steve Dillon, Greg Rucka, Carmine di Giandomenico
Panini Comics, giugno 2013
80 pagine, spillato, colore – 3,50 €

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.