Home > Notizie > Nuove Uscite > RW-Lineachiara riporta in Italia i Puffi

RW-Lineachiara riporta in Italia i Puffi

Comunicato Stampa

PUFFERBACCO: IL RITORNO DEI !RW-Lineachiara riporta in Italia i Puffi - i_puffi_cover

I prossimi mesi saranno densi di novità per Lineachiara, l’etichetta RW dedicata al fumetto europeo e internazionale!

Si comincia alla grande con il ritorno in Italia di un classico della BD e del fumetto mondiale, che vede come protagonista i folletti blu creati nel 1958 sulle pagine di Johan et Pirlouit (John e Solfamì, in italiano) da Pierre Culliford, in arte . A partire da settembre, Lineachiara riproporrà le storie classiche in favolosi e corposi omnibus di quasi 300 pagine, supportate da un ricco apparato redazionale, e le nuove storie ancora inedite in Italia, in volumetti autoconclusivi.

Tuttavia, la passione e l’amore per il grande fumettista belga non poteva limitarsi nel proporre solo i suoi personaggi più celebri. Lineachiara offrirà ai suoi lettori l’opportunità di leggere anche il resto della sua produzione, come John e Solfamì e Poldino Spaccaferro, da tempo inedite in Italia.

 Il catalogo Lineachiara continuerà ad arricchirsi di grandi classici del fumetto mondiale. Seguite con attenzione la pagina FB (www.facebook.com/rw.lineachiara?ref=stream&hc_location=timeline) per non perdere neppure una delle succulente sorprese in arrivo!

Peyo, nome d’arte di Pierre Culliford (Bruxelles, 25 giugno 1928 – Bruxelles, 24 dicembre 1992), è stato un fumettista belga, creatore dei Puffi. Scelse il suo pseudonimo dalla parola Pierrot, mal pronunciata da un cugino inglese. Appassionato fumettista, si avvicinò a quest’arte prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, frequentando artisti quali Morris, André Franquin e Eddy Paape che diverranno suoi colleghi nella storica rivista Spirou. Nel 1952 Peyo vi debutta introdotto da Franquin, occupato con il fumetto più importante del settimanale. A quel punto Peyo reimposta in modo innovativo una vecchia serie che aveva già sperimentato dal 1949 su Le Soir, raccontando le avventure medievali e fiabesche del giovane Johan. Dopo averne riveduto il look, lo affianca con successo per la prima volta al piccolo e vivace Pirlouit, che diviene il personaggio principale del ciclo. Nel 1958 è la volta dei Puffi (Les Schtroumpfs) il cui immenso successo non impedisce a Peyo di concentrarsi anche su altre creazioni come, nel 1960, Benoit Brisefer e Jacky et Cèlestin (1961), del quale è solamente sceneggiatore. Intanto, nel 1959 Peyo aveva cominciato a occuparsi di disegni animati, realizzando un ciclo di sette episodi con i Puffi tramite lo studio TVA Dupuis. Questi film, in bianco e nero e a colori, serviranno di base per un lungo ciclo televisivo, in onda dal 1981. Realizzato per la rete americana NBC in coproduzione con Hanna-Barbera e la S.E.P.P., reca il nome assegnato in inglese ai Puffi: The Smurfs. Creata la propria società, Carton Crèation, nel 1989 Peyo lancia la rivista Schtroumpfs, a cui segue la realizzazione di un parco tematico vicino a Metz, a Hagondange, che dal 1991 prende il nome di Walibi-Schtroumpfs.

 www.rwedizioni.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.