Home > BreVisioni > Rap Violent in the Ghetto Street (Dr.Pira)

Rap Violent in the Ghetto Street (Dr.Pira)

Rap Violent in the Ghetto Street (Dr.Pira) - Cover-2L’editore The Milan Review, dopo aver presentato mesi fa l’albo di Ratigher dedicato a Tuta Teschio, continua la collaborazione con i SuperAmici. Ci propone questa volta, in un formato delizioso, una raccolta di storie brevi già viste su Vice Magazine e create da un altro autore della Super Combriccola: il Dr.Pira. 
Operazione ammirevole poiché dopo i volumi dedicati a Gatto Mondadory e la costante pubblicazione su XL, il Dottore è diventato uno tra i più noti personaggi del fumettomondo “indie”. Ora, visto il titolo del volume, visto il tono delle storie e visto l’ambiente/rivista in cui sono proliferate queste stesse, mi sentirei di concludere la recensione come segue:

 

(4/4 – cassa/rullante/cassa cassa/rullante)

Le storie prodotte per Vice Magazine da Pira 
Escono raccolte in un albo che mi attira
Storie psichedeliche, folli e demenziali
Raccontano di violenza e di rapper un po’ brutali
Lo stile è sempre quello che sembra sia infantile
Ma Pira è un grande autore sempre fuori dall’ovile 
Con testi ricercati e con trovate mai banali
Troviamo episodi da salvare negli annali
Segnalo in coda a quest albo imprescindibile
Un inedito racconto che lo rende più imperdibile

Formato e qualità dell’albo sono davvero eccellenti
Un plauso all’editore in questi tempi cosi’ avvilenti
Chiudo banalmente con Pira che è un grande fico
D’altronde già da anni è un SuperAmico

L’editore, per scelta, non ha una distribuzione capillare, quindi vi consigliamo di andare sul sito della casa editrice per procurarvi questa chicca.

 Abbiamo parlato di:
 Rap Violent in the Ghetto Street
Dr.Pira
The Milan Review
48 pp, spillato, colori – €  10,00

 

Rap Violent in the Ghetto Street (Dr.Pira) - f7a1f599ee54985585491829f00f885e

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.