Home > Articoli > Recensioni > Toto l’ornitorinco e il rumore dei sogni

Toto l’ornitorinco e il rumore dei sogni

Toto l'ornitorinco e il rumore dei sogni - immagine1-1011Finalmente, dopo lunga attesa, ecco il quarto volume della magica saga degli antipodi, dove Yoann e Ormond dispiegano il loro senso del meraviglioso. E, davvero, questo quarto volume non tradisce le attese: certo, l’Australia di Toto è diventato un luogo familiare; alla sorpresa dei primi volumi è ormai subentrata l’aspettativa, ma la visione e la lettura di questo albo regalano un piacere al quale è difficile rinunciare.
In questa nuova avventura, alcuni piccoli screzi sembrano poter mettere in crisi i rapporti fra i nostri amici; ma, grazie all’allegra tenacia di Toto, ancora una volta tutto si risolverà per il meglio. è il popolo arboricolo dei cuschi ad aver bisogno dell’aiuto dei nostri: essi sono infatti assillati dal rumore dei sogni, che li getta in improvvise catalessi, decisamente pericolose per chi, come loro vive sugli alberi; Toto, Wawa e Fafà ne scopriranno l’origine e scopriranno che anche in quel continente c’e’ chi, per fuggire il dolore, finisce per fuggire la vita.

Se il virtuosismo figurativo di Yoann si esibisce in ogni vignetta, sicuramente particolare è la scelta di cupe tonalità rosse per le scene che accompagnano lo scioglimento della vicenda: il viaggio attraverso la pianura dormiente e nella caverna… (stop, non intendiamo rivelarvi di più). Il risultato è di intensa drammaticita’: leggere, per credere.
Inoltre, in questo albo, godiamo del ritorno del Signore dei sogni, che già ci aveva affascinato nel primo volume, ed ammiriamo l’eleganza della tavola nove, dove è mostrato il manifestarsi del rumore dei sogni.

Per concludere, un avvertimento: se i racconti moraleggianti vi infastidiscono in qualche modo, tenete conto che Toto è comunque pensato per i bambini; quindi, abbiate cura di leggerlo con spirito semplice.

PS
piange sulle corenti fortune di Toto; notiamo che questo quarto volume è del 2001: suvvia, fate i bravi e lasciatevi conquistare da questa Oceania fantastica, così che non ci sia rischio di vederla sparire dal nostro orizzonte!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.