Home > BreVisioni > Davvero #4 – Cose che capitano (Barbato, Nunziati, Meloni, Detullio)

Davvero #4 – Cose che capitano (Barbato, Nunziati, Meloni, Detullio)

Davvero #4 - Cose che capitano (Barbato, Nunziati, Meloni, Detullio) - coverIl toscano Riccardo Nunziati ci consegna il quarto albo della serie realizzando probabilmente il volume con più cambi di passo visto fino ad ora; dai piccoli grandi colpi di scena ai molti e ottimamente realizzati momenti in cui l’espressione dei personaggi la fa da padrona. I testi di , con gli spazi dilatati del cartaceo rispetto alle corrispondenti puntate già edite nella versione online, ci narrano gli eventi clou del volume, giocando con voci fuori campo opposte antitetiche a quanto si vede nelle tavole.
Un bella prova sia per il disegnatore, praticamente al debutto, sia per la sceneggiatrice milanese; il genere potrà anche non piacere ma la perizia e la capacità di far passare sentimenti e frustrazioni sono tangibili. Ricomparso in edicola dopo uno iato lunghissimo che ha spezzato il passo originariamente previsto per il mensile (ora bimestrale), l’albo porta in copertina la dicitura maggio/giugno. Nei credits è accennata una spiegazione al cambio di periodicità; in tutta onestà, essendo il numero precedente sparito (venduto o rimandato indietro visto che era ancora “marcato” mensile) dalle edicole poco dopo l’uscita (causa riduzione numero di copie distribuite rispetto ai primissimi), resta difficile capire come l’enorme tempo passato senza Davvero in edicola possa aver contribuito a migliorarne le vendite.

 Davvero #4 - Cose che capitano (Barbato, Nunziati, Meloni, Detullio) - striscia

Abbiamo parlato di:
Davvero #4 – Cose che capitano
Riccardo Nunziati, Paola Barbato, Andrea Meloni,
, maggio/ giugno 2013
96 pagine, brossurato, bianco e nero – € 2,90
ISBN 9772281129008

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.