Home > BreVisioni > DK – Io so chi non sono (Gomboli, Faraci, Palumbo)

DK – Io so chi non sono (Gomboli, Faraci, Palumbo)

DK - Io so chi non sono (Gomboli, Faraci, Palumbo) - 201304fNei ruggenti anni ’90 del fumetto disneyano  era una colonna del progetto PK, testata innovativa che prendeva il personaggio di Paperinik e lo rilanciava in avventure dal taglio nuovo e piuttosto sperimentali, sia esteticamente che nei contenuti.
Negli anni Faraci è poi approdato a , ed è quasi normale che insieme a  sforni adesso qualcosa di analogo a quanto fatto con l’alter-ego di Paperinik. Il collegamento nasce fin dal titolo, con la prima e l’ultima lettera del nome del protagonista a indicare la nuova versione, ma anche negli intenti e nelle modalità della proposta.
Sulla carta, l’idea era vincente e aveva un illustre antenato: nei fatti, DK – Io so chi non sono non si può dire un esperimento completamente riuscito. La storia, a dispetto delle prime tavole adrenaliniche, non riesce a coinvolgere il lettore, con una trama in costante equilibrio tra tradizione e novità che non soddisfa nessuna delle due componenti. Nella seconda metà c’è una crescita qualitativa nell’intreccio, che mette in scena in modo interessante il rapporto tra DK, l’ispettore e la giudice, ma la sceneggiatura risulta appesantita dai troppi dialoghi.
La componente grafica, ad opera di , oscilla tra soluzioni lodevoli nella costruzione delle tavole e nella disposizione delle vignette e disegni non sempre all’altezza, specie per quanto riguarda i volti.
Siamo di fronte ad un esperimento interessante ma sicuramente perfettibile. 

Abbiamo parlato di:
Il grande Diabolik presenta 1-2013 – DK: Io so chi non sono
Mario Gomboli, Tito Faraci, Giuseppe Palumbo
Astorina, aprile 2013
175 pagine, brossurato, colori – €4,90
ISBN: 9771127102007

 

DK - Io so chi non sono (Gomboli, Faraci, Palumbo) - 005DK2012

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.