Home > BreVisioni > Julia # 175 – Myrna: infanzia perduta (Berardi, Mantero, Boraley)

Julia # 175 – Myrna: infanzia perduta (Berardi, Mantero, Boraley)

Julia # 175 – Myrna: infanzia perduta (Berardi, Mantero, Boraley) - julia0175Il cambio di rotta deciso dagli editor Bonelli circa il personaggio di Myrna (ne parla qui) è evidente: due apparizioni nell’arco di 8 uscite. Ma non è il dato in sé a meritare attenzione quanto la qualità degli episodi dedicati alla nemesi di , fra i quali spicca sicuramente questo. Myrna: infanzia perduta è infatti senza dubbio una delle storie migliori di tutta la serie. 
Improprio dire “la” migliore, visto che parte dell’efficacia dell’episodio sta proprio nella costruzione progressiva del personaggio di Myrna, sviluppato attraverso il dipanarsi delle uscite precedenti. Ma va sottolineata la perfetta sceneggiatura, in grado di catturare il lettore sin dalle prime pagine attraverso un realismo crudo, a tratti spietato e ricco di grande pathos.
La follia di Myrna è letale e contagiosa, tanto che stavolta Julia stessa sembra vacillare davanti a quella che pare un’eco distorta di sé. Giancarlo Berardi e arricchiscono e sviluppano la psicologia della serial killer, fornendo nuovi particolari sulla sua infanzia e mostrandocela all’opera, in un crescendo di tensione davvero raro per la media dei prodotti seriali. Ai disegni uno Steve Boraley capace di far recitare alla perfezione i personaggi, tratteggiati in maniera sapientemente caricaturale, così da regalare a ciascuno di loro un ruolo ed un carattere specifico.
Una serie di definizioni grafiche decisamente azzeccate per un albo privo di sbavature. 

Abbiamo parlato di:
Julia # 175 – Myrna: infanzia perduta
Giancarlo Berardi, Maurizio Mantero, Steve Boraley
, aprile 2013
130 pagine, bianco e nero, brossurato – € 3,40
ISBN: 977112717700530175

 

Julia # 175 – Myrna: infanzia perduta (Berardi, Mantero, Boraley) - tav175_2_g

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.