Recensioni

Graphic Journalism # 1 – Marjane Satrapi: Persepolis

Graphic Journalism # 1 - Marjane Satrapi: Persepolis

Graphic Journalism # 1 - Marjane Satrapi: Persepolis - persepolis_coverGraphic Journalism, proposta dal Corriere della Sera e gestita da Rizzoli Lizard, si presenta come una delle iniziative che riguardano il fumetto più interessanti degli ultimi mesi e inizia il proprio percorso con di .
La collana si presenta con una grafica dinamica, essenziale e moderna, che mette da parte le copertine originali e lascia spazio a un concept accattivante e dai dettagli curati, come un font che rimanda alla grafica dei quotidiani.

Come da prassi in questo genere di operazioni, ad aprire il volume e a introdurre le opere si alternano brevi testi e saggi, in questo caso affidati a e . Lo spazio a loro dedicato non è abbondante: in questa prima uscita, oltre a un’efficace esposizione delle caratteristiche principali dell’opera, introduce l’intera collana e accenna alla diffusione, agli inizi degli anni ’90, del fumetto introspettivo e, in seguito, del fumetto di indagine.
Graphic Journalism # 1 - Marjane Satrapi: Persepolis - persepolis_3

è considerata un’opera ideale per inaugurare la collana, perché in perfetto equilibrio tra resoconto personale e cronachistico: Satrapi, nata in Iran e successivamente trasferitasi in Europa, racconta la propria esperienza biografica e la intreccia alla storia recente iraniana, vista attraverso gli occhi di una famiglia anticonformista rispetto al regime di ispirazione islamica, con uno sguardo che può aiutare a comprendere certi risvolti della politica internazionale odierna. Direi – e molti obietteranno – che l’opera biografica della Satrapi sta in bilico, oscillando molto volentieri nel terreno del diario personale.

Al di là del contenuto, al quale negli ultimi tempi le cronache internazionali hanno aggiunto valore, un punto di forza decisivo per il successo dell’opera è sicuramente la solidità e coerenza artistica che la caratterizzano dalla prima all’ultima pagina, a partire dallo stile grafico netto ed espressivo, che unisce una rigidità ispirata dall’iconografia mediorientale a un approccio compositivo ispirato a .

Graphic Journalism # 1 - Marjane Satrapi: Persepolis - persepolis_2Infine, Persepolis è anche un’opera che ha saputo travalicare i confini del fumetto, sia grazie alla sua trasposizione in film d’animazione molto apprezzato sia per l’attività e produzione successiva dell’autrice. Per una lettura più indagatrice dell’opera della Satrapi rimandiamo a questo articolo sulle nostre pagine, qui preme notare come Persepolis sia ottimo apripista per una collana che ha tutti i presupposti per guadagnarsi i favori di un pubblico ampio e attento e che proporrà opere ancora più giornalistiche, come quel Palestina di Joe Sacco, che ha fatto la storia del fumetto definendo un genere.

Abbiamo parlato di:
Persepolis

Collana Graphic Journalism
Rizzoli Lizard, 2013
360 pagine, brossurato, bianco e nero – 7,90 €

Graphic Journalism # 1 - Marjane Satrapi: Persepolis - persepolis_1

1 Commento

1 Commento

  1. Gabriele Stoner Fontana

    29 aprile 2013 a 11:25

    Sono molto felice di questa collana, perché mi sta avvicinando a questo tipo di fumetto d’autore, a me quasi totalmente sconosciuto fino a pochi giorni fa. Conto di prendere tutte le uscite!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio