Home > BreVisioni > Suore Ninja #1 di (6) – Zombie Gay In Vaticano (La Rosa, Cardinali)

Suore Ninja #1 di (6) – Zombie Gay In Vaticano (La Rosa, Cardinali)

Suore Ninja, miniserie di e , deriva dal precedente lavoro autoprodotto dei due autori, Zombie Gay in Vaticano, del Suore Ninja #1 di (6) – Zombie Gay In Vaticano (La Rosa, Cardinali) - SuoreNinja_12011, di cui questo primo episodio è una versione allungata. Protagonista uno stesso team di suore combattenti (Suor Adalgisa, Suor Xena e Suor Gegia), che deve affrontare un’orda di zombie gay riversatasi in Vaticano durante l’elezione del nuovo Pontefice, tale Papa Costantino Vitaliano. Suore Ninja è una corrosiva satira sulle stranezze e gli eccessi della fede, ma anche sulle numerose contraddizioni della chiesa odierna. La Rosa si dimostra certamente abile nel raccontare una storia dove l’umorismo demenziale è ben bilanciato con la satira sociale e con numerosi riferimenti a figure religioso/politiche reali (purtroppo). Dopo un inizio leggermente sottotono la storia e i personaggi prendono il sopravvento, riuscendo così ad avvincere e divertire il lettore che si potrà anche sbizzarrire nel cercare le numerose citazioni cinematografiche e fumettistiche di cui l’albo è infarcito. Un prodotto veramente originale per le nostre edicole. Buono il lavoro della Cardinali che, con un tratto pulito e leggibile, alterna tavole dove uno stile semi-reale lascia posto a uno più cartoon/deformed, che denota una leggera influenza di taglio nipponico. Peccato per la resa grafica della copertina, poco leggibile e con i colori del titolo che tendono a confondersi con quelli dell’immagine.

Abbiamo parlato di:
Suore Ninja #1 di (6) – Zombie Gay In Vaticano
Davide La Rosa, Vanessa Cardinali
, Marzo/Aprile 2013
96 pagine, brossurato, bianco e nero – €2,90
ISBN: 9772282067002

Suore Ninja #1 di (6) – Zombie Gay In Vaticano (La Rosa, Cardinali) - 90vign

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.