Recensioni

Big Robot: come tenere testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy

Big Robot: come tenere  testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy

Big Robot: come tenere  testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy - BigRobot1-Cover Le edizioni Bianconi, negli anni 70-80 erano una vera forza della natura nel panorama delle edicole italiane. Tutti i miei coetanei nati nei Settanta avevano in casa titoli come Geppo, Soldino e Trottolino. In edicola, durante la villeggiatura al mare, le buste con i titoli Bianconi a prezzi imbattibili erano un vero must per le letture estive.
Molte cose cambiarono con l’arrivo dell’animazione giapponese e il proliferare in edicola di testate antologiche con produzione autarchica dedicate ai “Cartoni” (perle come La Banda Tv o Tv Junior) o l’apparizione dei primi manga, quando ancora non li chiamavamo manga (gli spillati a colori dedicati al Grande Mazinga o Candy Candy editi da Fabbri, ad esempio).
Per andare incontro a questa tendenza, le edizioni Bianconi si appoggiarono a uno dei loro autori di punta, Alberico Motta, e diedero vita alla serie Big Robot (dal titolo è palese l’ispirazione alle saghe in voga nel periodo), nel classico formato pocket a la Geppo

Big Robot: come tenere  testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy - BigRobot_02_dett

Dopo trent’anni, grazie a  , ritroviamo una bella sequenza di quelle storie, rimontate, ritoccate e riviste dall’autore medesimo, in un formato simile all’originale e arricchite da un’interessante postfazione che racconta i retroscena di quel particolare momento editoriale. Big Robot: come tenere  testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy - BigRobot_04_dett2Il bianco e nero del volume peraltro migliora molto la resa rispetto all’edizione originale, visto il modo approssimativo con cui spesso venivano colorate le tavole dei pocket Bianconi.

Ovviamente queste pagine a fumetti vanno lette nel contesto storico da cui arrivano.
I personaggi e le storie, fondono la tradizione grafica e narrativa delle serie Tv dedicate ai “robottoni” dell’epoca con le produzioni tipiche Bianconi. Ci sono elementi narrativi classici di saghe spaziali come quelle di Goldrake, Mazinga Z o Jeeg Robot: la “base”come ultimo avamposto di difesa dell’umanità da minacce aliene; personaggi caricaturali e personaggi realistici che convivono; misteriosi amici/comprimari alieni dal passato non svelato; bislacchi robot che si sfidano a colpi di magli e pugni volanti; Big Robot: come tenere  testa all’invasione dei robot giapponesi con il made in italy - BigRobot_03_dettalieni cattivi che falliscono regolarmente nel tentativo di sconfiggere il buono di turno… con inevitabili punizioni fisiche da parte del cattivo di grado superiore. 

In particolare, le minacce che affronta Big Robot in certi momenti, mi hanno ricordato per stramberia alcuni episodi di serie TV “stracult” come Astroganga o Fantaman, in cui non c’erano malvagi robot da combattere ma situazioni surreali da risolvere, al limite del farsesco. Sarà la nostalgia, l’amore per il trash o il fascino di una produzione italiana davvero inconsueta, ma questo volumetto merita certamente un posto in libreria. E’ chiaro che se l’idea di serie robotica giapponese  con cui siete cresciuti è Evangelion, questo prodotto non dovete neppure avvicinarlo…

Una sola nota per l’editore: la scritta “Graphic Novel” nella pagina iniziale:forse aiuterà i commessi delle librerie di varia a sistemare il volume al posto giusto, ma di tutte le definizioni possibili per questo bel volumetto, “graphic novel” proprio no!

Abbiamo parlato di:
Big Robot – La minaccia di Orkus
Alberico Motta
, 2012
192 pagine, biancor e nero, €  7,90
ISBN: 978898002054 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio