Home > BreVisioni > Batman #11 (AA.VV.)

Batman #11 (AA.VV.)

Batman #11 (AA.VV.) - batman_11Ogni ciclo narrativo ha bisogno di un gran finale. Eppure se c’è una pecca nella run di incentrata sui Gufi è proprio nel suo capitolo conclusivo, in cui l’autore risolve in modo un po’ deludente l’intrigo.
Forse concependo il crossover della Notte dei Gufi l’apice e al contempo la chiosa della saga, lo sceneggiatore non offre una risposta sicura al colpo di scena svelato lo scorso mese, considerando queste ulteriori storie come strascichi dell’epilogo e tranciando in modo forse troppo repentino un’idea che poteva essere interessante. 
Anche la side-story sulla Caduta di Casa Wayne non soddisfa molto il lettore, che si ritrova con un ultimo capitolo in cui non succede granché e dove l’unico dato di rilievo sono i dialoghi, quelli sì ben orchestrati da Snyder in entrambe le storie. Non è un vero e proprio passo falso, ma è una meta meno interessante del viaggio intrapreso.
Magnifiche le tavole di Capullo e di Albuquerque.
Nessun appunto invece a Kyle Higgins per il suo : proseguono le indagini dell’eroe sullo strano gruppo chiamato Repubblica del Domani, ma l’autore si premura di mostrarci sempre anche la vita di Dick Grayson, restituendoci ancora una volta un protagonista credibile ed umano.
In Detective Comics invece, Batman prosegue le indagini su Mr. Toxic, ma la storia appare priva di mordente, dimostrandosi un intrattenimento poco coinvolgente e più rivolto alla componente d’azione. Il cattivo non convince e la trama di è piuttosto confusa.

Abbiamo parlato di:
Batman # 11
Scott Snyder, , James Tynion IV, Rafael Albuquerque, Tony S. Daniel, Julio Ferreira, Eduardo Pansica, Kyle Higgins, Andres Guinaldo
Traduzione di Stefano Visinoni
RW Lion – Marzo 2013
72 pagine, spillato, colori – € 3,70
ISBN: 9771887472334

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.