Home > Articoli > Recensioni > Streghe #1: tornano (in edicola) le sorelle Halliwell

Streghe #1: tornano (in edicola) le sorelle Halliwell

Streghe #1: tornano (in edicola) le sorelle Halliwell - patto_tra_streghe-230x300Il mondo delle serie tv a metà degli anni ’80 iniziò a cambiare. Le emittenti televisive capirono che i meccanismi narrativi si erano evoluti insieme al gusto del pubblico e iniziarono ad investire maggiormente in prodotti che una volta realizzavano con pochi mezzi. Grandi firme cominciarono a dedicarsi al piccolo schermo, primo tra tutti Michael Crichton con E.R.. La qualità salì, così come gli ascolti.
Tra i programmi con lo share più alto (in America quanto in Italia) ci fu Streghe (Charmed). Con 8 stagioni e 178 episodi, le sorelle Halliwell sono entrate nell’immaginario collettivo, riuscendo nel non facile compito di affiancare nella memoria di massa all’immagine “befanica” della strega anche un’immagine sexy e sbarazzina.
Ma, come si sa, ogni prodotto dell’uomo che ha conosciuto un inizio è destinato a conoscere una fine e nel 2006, dopo aver affrontato e sconfitto ogni forma di essere proveniente da svariate mitologie e folklori, le avventure delle tre sorelle giungono al termine, con il più lieto dei finali possibili.

Ma nel 2010 la Zenescope Entertainment decide di offrire a tutti i fan della serie una nona stagione a fumetti, composta da 24 episodi preceduti da uno speciale riassuntivo dal titolo The Sourcebook. Ai testi troviamo, oltre a Raven Gregory, anche Paul Radits, che aveva già scritto due romanzi legati al mondo di Streghe. In Italia, da febbraio 2013, questa serie è stata proposta nelle edicole italiane dalla 7EVEN AGE, casa editrice che fin ora si era limitata (con qualche eccezione) a produrre nuove serie.
Anche se pubblicato originalmente nel formato tipicamente americano 17×24 e a colori, la 7EVEN AGE, continuando il trend che negli ultimi mesi ha caratterizzato l’edicole italiane, ha adattato la serie al formato bonelli, passando ad un bianco/nero denso di sfumature di grigio che, ha volte, rendono faticosa la lettura.
Dalla riduzione di formato invece non derivano particolari problemi, anzi, escludendo le double splash page che perdono un po’ del loro effetto shock così ridotte, la percezione delle tavole non risulta alterata. La qualità dei disegni è discontinua con numerose cadute grafiche, personaggi a volte indistinguibili tra di loro, anatomie che lasciano perplessi, tratteggi superflui che si alternano a qualche raro bel disegno, soprattutto legato alle splash page.

Streghe #1: tornano (in edicola) le sorelle Halliwell - Charmed-Comics3-600x429
La storia, molto interessante per tutti gli appassionati del telefilm, è in stretta continuity con l’ottava stagione e riprende la narrazione esattamente dove si era interrotta. Questo è al tempo stesso un pregio e un difetto. Da un lato è bello poter pensare che certe storie non finiscano mai e che quindi si possa tornare prima o poi ad appassionarci alle vicende di un personaggio di fantasia con il quale siamo cresciuti, dall’altro, per i non cultori, questo primo numero risulta abbastanza incomprensibile, dando per scontata la conoscenza di una serie di incroci e di rapporti non facili da decifrare.
Una delle sorelle è sposata con il suo angelo custode, che ora, senza poteri, è preside di una scuola di magia dove studiano i figli e nipoti. Un’altra sorella è invece sposata con Cupido; una terza invece fa l’assistente sociale per i giovani con nuovi poteri magici. Streghe #1: tornano (in edicola) le sorelle Halliwell - images3Questi sono solo alcuni esempi di dati di pura continuity che mancano al nuovo lettore e  rendono complessa la comprensione delle vicende.

Per porre rimedio a questa situazione la Zenescope pubblicò The Sourcebook, che aveva appunto lo scopo di introdurre i non-adepti al culto delle Halliwell alla loro complessa esistenza. In Italia, comprensibilmente dato il tipo di prodotto, non ne abbiamo visto traccia; tuttavia il problema resta.

Streghe è quindi un prodotto per amatori, concepito forse sulla falsa riga dei fumetti di Buffy (che però vede Joss Whedon ai testi!), ma di livello qualitativamente inferiore, anche se tornare alle avventure delle streghe più toste di tutti i tempi è un piacere che difficilmente  un appassionato  si può negare.

Abbiamo parlato di:
Streghe #1– Patto tra streghe
Paul Raditis, Raven Gregory, Dave Hoover, Marcio Abrea
7even Age Entertainment, febbraio 2013
98 pagine, brossurato, bianco e nero – € 2,90

NdR: le immagini degli interni utilizzate si riferiscono all’edizione originale americana, a colori.

1 Commento

  1. Mi sarebbe piaciuto vedere la nona serie di streghe in tv soprattutto per il ritorno di Shannen Doherty ma mi accontento dei fumetti in bianco e nero… i primi 3 fumetti li ho acquistati tramite ebay xke qui a catania nn li ho trovati ma adesso nn trovo neanche quelli su ebay… nn si puo illudere i fans noi vogliamo il continuo dei fumetti nn ci importa se sn in bianco e nero se a volte nn si riconoscono neanche i personaggi a noi importa finire cio ke abbiamo iniziato a leggere… qualcuno ci sa dire xkè nn si trovano piu i fumetti, nel quarto fumetto sarebbe tornata Prue, uffaaaaaaaaaa… vogliamo tutti i fumettiiiiiiiiiiiiiiii… x favoreeeeeeeeeeee…. Cio ke viene iniziato deve essere portato a termine questa nn è serieta… l’idea dei fumetti era stupenda vogliamo continuare a leggere…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.