Home > BreVisioni > Shanghai Devil #17 – A Ferro e Fuoco (Manfredi, Perovic)

Shanghai Devil #17 – A Ferro e Fuoco (Manfredi, Perovic)

Shanghai Devil #17 - A Ferro e Fuoco (Manfredi, Perovic) - shanghai_devil_17_cover Forse stavolta dobbiamo ascoltare l’istinto di Risto: Ugo Pastore sta camminando sul bordo dell’equilibrio mentale. Osservando con maggior distacco e la presunzione di trovare una traccia e un senso nella vicenda di Ugo, possiamo pensare che a metterlo in crisi sia la crescente dissonanza fra i suoi desideri (di pace, armonia, amore) e la realtà grondante sangue, violenza, cinismo e dolore in cui si trova a vagare. Ugo sta perdendo contatto con la realtà, al punto che, nel suo deambulare ubriaco attraverso la guerra, l’unico punto di riferimento, l’unico stimolo in grado di tenerlo in vita sembra essere la visione del leggendario paradiso in cui si sarebbe rifugiata Meifong..
Il mondo è orribile e le radici del male in esso inestirpabili; l’unica via di salvezza è allora la fuga.
Intorno a lui, il caos, che ha peraltro sempre dominato la sceneggiatura di , si manifesta in scelte ed eventi estemporanei (Risto che segue Ugo per il bacio di una novizia, lo scontro con la banda di briganti, perfino la vicenda di Chuan Lai): sottotrame sacrificate per mancanza di spazio? O, piuttosto, mancanza di una loro opportuna selezione in base ai vincoli di durata della miniserie?
Lo sfilacciamento delle vicende trova riscontro anche nel disegno di , che qui non ha il potere di suggestione mostrato nell’episodio #6 (Hotel Europe).

Abbiamo parlato di:
#17 – A Ferro e Fuoco
Gianfranco Manfredi, Darko Perovic
, Febbraio 2013
98 pagine, brossurato, bianco e nero – 2,90 €
ISBN: 977223994700530017

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.