Home > BreVisioni > Fatale #1 – La morte alle costole (Brubaker, Phillips, Stewart)

Fatale #1 – La morte alle costole (Brubaker, Phillips, Stewart)

Fatale #1 - La morte alle costole (Brubaker, Phillips, Stewart)  - fataleE’ difficile dire se Fatale sia un noir. O un horror. O una sintesi di entrambi. O qualcosa d’altro.
L’impressione è che Dashiell Hammett sia passato dall’alcool agli oppiacei: ne escono incubi lovercraftiani in gessato e armati di mitra che si comportano da gangster demoniaci più che da divinità cosmiche. C’è un certo dilettantismo nella stregoneria raccontata da , che delinea un crescendo di delirio destinato ad avere il climax proprio alla fine di questo libro uno, che apre inquietanti scenari per quella che si presenta a tutti gli effetti come serie rivelazione.
Fatale è una storia che si sviluppa in diverse epoche, dagli anni ’50 (e forse anche prima) al 2011, che ha come filo conduttore la bella e pericolosa Josephine, dark lady molto “dark” e sempre meno “lady” coinvolta in un brutto giro fatto di strani culti magici, poliziotti corrotti e tradimenti. E’ lei la ‘magnifica preda’ di una lotta che, grazie alla matita sempre efficace di , vira verso toni sempre più cupi e malati, mentre a turno diversi uomini tutti d’un pezzo perdono il loro senno per cercare di salvarla.
La coppia navigata Brubaker-Phillips ingaggiata dalla Image non sbaglia nemmeno questo ‘colpo’ dopo Sleeper, Criminal e Incognito, superando tuttavia il concept supereroistico e tentando, dopo ,  di approcciare il mito di Cthulhu.

 

Abbiamo parlato di:
Fatale – Libro Uno: La Morte Alle Costole
Ed Brubaker, Sean Phillips,
Traduzione di Fabio Gamberini
Panini Comics, gennaio 2013
136 pagine, brossurato, colore – 13,00 €
ISBN: 9788863043945

 

Fatale #1 - La morte alle costole (Brubaker, Phillips, Stewart)  - fat_01_024

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.