Home > BreVisioni > The Walking Dead #4 – Un posto sicuro (Kirkman, Adlard)

The Walking Dead #4 – Un posto sicuro (Kirkman, Adlard)

The Walking Dead #4 – Un posto sicuro (Kirkman, Adlard) - twd4_coverI sopravvissuti all’invasione zombie raggiungono e occupano un’enorme struttura, che si rivela un ex carcere ricco di risorse e abitato da uno sparuto gruppo di detenuti.
Ormai pienamente avviato nei suoi meccanismi narrativi, l’esperimento sociale tratteggiato da porta per la prima volta i superstiti a fronteggiare non solo necessità di base – cibo, armi, alloggi – ma anche temi di etica del vivere civile, già presenti nel numero 3, e della riorganizzazione di una comunità. Nel proliferare di sospetti, pregiudizi verso i carcerati, fragilità dei concetti di colpa e reclusione, si intravede in filigrana ciò che i nostri antenati dovettero affrontare ai primordi della civiltà. Numero intelligente e filosoficamente stimolante, forse stucchevole nell’eccesso di colpi di scena, che creano un effetto di saturazione.
A margine si segnalano i disegni di , subentrato a dal secondo numero di questa edizione (il settimo di quella statunitense), sempre più netti e personali nell’interpretazione grafica dei personaggi.

Abbiamo parlato di:
The Walking Dead #4 – Un posto sicuro
Robert Kirkman, Charlie Adlard, Cliff Rathburn
Traduzione di Andrea Toscani ([email protected] Mouse)
, febbraio 2013
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 2,90 €
ISBN: 977228106800030004

The Walking Dead #4 – Un posto sicuro (Kirkman, Adlard) - twd4_lunga

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.