Home > Notizie > Webcomics news > Nuovo sito per l’Associazione Culturale Crazy Camper

Nuovo sito per l’Associazione Culturale Crazy Camper

Comunicato stampa

LA NUOVA CASA DEL CAMPER

Dal 31 gennaio 2013 il Crazy Camper ha una nuova casa in rete: www.crazycampercomics.com.
Qui verranno pubblicate, con cadenza regolare, tutte le serie della casa editrice massese e sempre qui sarà possibile trovare novità sulle nostre pubblicazioni future e ordinare tutti i volumi già usciti.
La partenza sarà riservata a Bren Gattonero, con le prime avventure punktasy del Cacciatore di Streghe più temuto (e scoppiato) della Terra di Nessuno!

Nuovo sito per l'Associazione Culturale Crazy Camper - Promo-Camper-01

L’Associazione Culturale Crazy Camper è nata nel 2007, con l’intento di produrre fumetti di genere fantastico (con particolare attenzione per il fantasy e l’horror) che rimandino stilisticamente alle produzioni di oltreoceano. La prima serie, il pop-fantasy Madadh, è da poco giunta alla conclusione con il quinto volume: nel tempo sono seguite Evo (un gothic punk in collaborazione con Double Shot), Bren Gattonero e l’ultima nata, Teenage Mummy, il primo fumetto del Camper a colori.

Sulle pagine dei fumetti del Camper esordiscono ogni anno decine di aspiranti disegnatori e sceneggiatori e in passato hanno trovato ospitalità nelle nostre serie alcuni artisti e autori che si stanno facendo brillantemente strada nel mondo del fumetto: Mick Bertilorenzi (Un Brivido Gelido, Daken: Dark Wolverine, Punisher, Daredevil), Matteo Scalera (Deadpool Team Up, Secret Avengers) Francesca Ciregia (Dazzler), Susanna Raule (Ford Ravenstock, Dampyr, L’ombra del Commissario Sensi), Andrea Del Campo (John Doe, Dampyr), Gianluca Maconi (IL Delitto Pasolini, Elya), Michel Mammi (Mytico) e Paolo D’Antonio (John Doe, Paganini)… solo per citarne alcuni!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.