Recensioni

Esterno notte di Gipi, la scoperta di un nuovo, grande, moderno autore italiano

esternonew_th

Esterno notte di Gipi, la scoperta di un nuovo, grande, moderno autore italiano - esternonewParlare di Esterno notte, il nuovo lavoro di Gianni Pacinotti, in arte , non è per niente semplice, poiché ci troviamo di fronte ad un’opera di difficile collocazione.

non attinge a tecniche già sperimentate all’estero, non si rispecchia in modelli preconfezionati ed importati (pratica legittima ed a volte valida), ma sviscera un immaginario totalmente italico (e a volte privato) che colpisce incredibilmente per sua capacità di mettere a nudo i propri ricordi, di raccontare piccoli e quasi insignificanti episodi di vita quotidiana, riuscendo, con leggerezza e rara sensibilità (come nei racconti La storia di Faccia e Le cinque curve), a trasformarli in mito o leggenda.

In questi racconti non è per niente casuale rispecchiarsi e ritrovare nei volti, nei dialoghi e nella narrazione di un paesaggio provinciale e spesso indefinito, assonanze con le periferie urbane e sociali che in qualche modo ognuno di noi ha conosciuto.

Esterno notte di Gipi, la scoperta di un nuovo, grande, moderno autore italiano - esterno_notte_Dett

Una narrazione asciutta, non fredda, ma nello stesso tempo distante; quasi estraniata nel raccontare un fatto accaduto nell’intimità familiare, come nel racconto Via degli Oleandri. Per far questo l’autore adotta una tecnica (olio su tela, con i personaggi disegnati su lucido sovrapposto) che tutto sfuoca, che dilata, spersonalizza. 
Grandi macchie di colore azzurro s’impadroniscono delle tavole, in cui le figure umane a volte sembrano estranee. Altre volte, invece, si confondono con la loro trasparenza come in un sogno, o meglio, in un ricordo sbavato nei contorni, ma preciso nella sua essenza.

Esterno notte di Gipi, la scoperta di un nuovo, grande, moderno autore italiano - immagine2-909

Senza scadere nell’auto-indulgenza ne’ nel realismo stucchevole, come spesso capita a chi si confronta con l’intimismo e la quotidianità, Gipi sbalordisce per il suo narrare dall’incedere riflessivo, che risalta soprattutto nel raccontare episodi forti e violenti, preferendo l’analisi del loro significato ad un manierismo estetico.

Un’opera matura, supportata da ottimi disegni (o sarebbe meglio dire dipinti?) e da un alto livello narrativo, ma, spero di sbagliarmi, probabilmente relegata ad un pubblico di nicchia, distante com’è dalla fruizione pigra e superficiale che pervade la buona parte dei lettori.

Insomma, non ancora un classico, ma di certo un nuovo, grande, moderno autore italiano.

Abbiamo parlato di:


Esterno notte
Gipi
Fandango, 2003
112 pagine, brossurato, bicromia – 17,00€
ISBN: 9788888063775

Esterno notte è presente nella raccolta:
Omnibus Gipi
Gipi
Fandango, 2003
368 pagine, brossurato, bicromia, bianco e nero e colore – 11,90€
ISBN: 9788876181276

 

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio