Home > BreVisioni > Julia #171 – Gli insospettabili (Berardi, Mantero, Copello)

Julia #171 – Gli insospettabili (Berardi, Mantero, Copello)

Julia #171 – Gli insospettabili (Berardi, Mantero, Copello) - Cover-Julia-171L’attenzione che Berardi dedica all’attualità è evidente sin dalle pagine della posta della serie, dove spesso esprime considerazioni su ciò che caratterizza il nostro tempo. Il riverbero della cronaca – anche economica – investe spesso anche le sue storie, come nell’episodio in questione. Gli effetti della crisi economica si ripercuotono su alcuni soggetti, tra cui stessa. Chi decide di farla finita, chi è pronto a ricominciare e chi decide di farlo oltrepassando il limite della legalità, reagendo alle ingiustizie del sistema economico con la violenza. Con una narrazione rapida, forse anche fin troppo, l’episodio scorre con la velocità di un serial televisivo: e come nei serial l’intreccio prevede la necessità di almeno due storie da far coabitare, quando non tre. Sono finiti i tempi in cui il protagonista unico imperava dall’inizio alla fine dell’albo, le nuove regole dell’intrattenimento richiedono un’addizione di elementi, personaggi e trame così numerosi da entrare a stento nelle pagine a disposizione. Con il rischio che il finale, come in questo caso, appaia un po’ sbrigativo.
I disegni di Luigi Copello sono di qualità discontinua: funzionali dal punto di vista narrativo, alternano tavole decisamente riuscita ad altre che peccano di approssimazione, soprattutto nella definizione dei personaggi.


Abbiamo parlato di:
Julia #171 – Gli insospettabili
, , Luigi Copello
– dicembre 2012
130 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,40€
ISBN 9771127177005

 

 

 

Julia #171 – Gli insospettabili (Berardi, Mantero, Copello) - julia2

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.