Home > Notizie > Nuove Uscite > In edicola il Frigidaire 244 per il suo trentaduesimo compleanno

In edicola il Frigidaire 244 per il suo trentaduesimo compleanno

Comunicato Stampa

È in edicola il numero 244 del mensile , che questo mese di novembre festeggia il suo trentaduesimo compleanno. All’interno, In edicola il Frigidaire 244 per il suo trentaduesimo compleanno - FRIGIDAIRE_n244_web1-231x300dopo una riflessione editoriale di sul cammino della rivista dagli anni ’80 a oggi, lo splendido racconto inedito di Gore Vidal “Erlinda e Mr Coffin”, accompagnato da un ricordo sullo scrittore americano di Antonio Scurati. Da segnalare il reportage “Apocalypse Zombie” di Paolo Pontoniere sulle singolari esercitazioni anti-zombie negli Usa, l’intervista di Gianni Sartori a Maribi Ugarteburu, portavoce della “Izquierda Abertzale”, la sinistra indipendentista basca, e un incontro confidenziale con il cantautore Fausto Rossi intervistato da Sandro Prostor Koroval.

Vi sono i fumetti, “Welfare West” di Ugo Delucchi con i magnifici colori di Giovanni Bruzzo (Razor), “Arty Party” di Massimo Giacòn e un’altra avventura fantaspaziale di Klaus e Elmer, “The deep trip pop”, di Maurizio Ercole e Massimo Perissinotto. Potrete immergervi nelle suggestive illustrazioni di Maila Navarra, Gianni Cossu, Vincenzo Sparagna, Mauro Sgarbi, Andrejs Lavrinovics e Maurizio Ercole, gustare la storiella di Antonio Vecchio, le cartoline da Kryzx di Fabrizio Fabbri, le vignette di Giuliano, Delucchi, Franzaroli, Del Buono e Andrea Bonatti, leggere il racconto di Gianluca Liguori, giovane fondatore del gruppo degli “Scrittori precari”, le recensioni di libri del direttore, quelle musicali di Diego L’Alligatore e di Federico Vignali e la ormai classica rubrica “Schiuma”, curata da Jacopo Giombolini, dedicata al pittore perugino Simone Chiorri.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.