Home > Articoli > Interviste > Play Press: Una chiacchierata con Andrea Alfano

Play Press: Una chiacchierata con Andrea Alfano

Play Press: Una chiacchierata con Andrea Alfano - immagine1-648LSB: Da alcuni anni la Publishing ha, con la sua sezione dedicata alla produzione di fumetti, abbandonato il mercato delle edicole, rifugiandosi nella confortevole nicchia di mercato rappresentata dalle librerie specializzate; contemporaneamente la Play ha interrotto il suo dialogo con i lettori. La prima metà del 2003 potrebbe pero’ rappresentare la svolta: la nomina di Andrea Alfano al ruolo di direttore editoriale è un segnale molto forte da parte dell’editore laziale, una mossa che denota la chiara volontà di riprendere il dialogo con i lettori e rilanciare le proprie pubblicazioni. Come consideri il bilancio dell’anno appena conclusosi? Da debuttante assoluto, che impressioni hai avuto riguardo il mercato del fumetto?

Dunque, posso dirti che per quanto ci riguarda il bilancio è stato più che positivo, la è in buona salute! Per quanto riguarda il mercato fumettistico in generale… bhe, è innegabile il fatto che la crisi del settore c’e’. Comunque vedo dei tiepidi segnali di miglioramento, forse il futuro non sarà così nero come in molti lasciano intendere.

LSB: Nell’ultimo anno, grazie ad una serie di iniziative multimediali di enorme rilievo nazionale e internazionale, dai film dedicati agli eroi Marvel fino all’iniziativa di Repubblica, le nuvole parlanti sembrano aver avuto una rinnovata visibilità ed una inedita consacrazione culturale. Queste iniziative, secondo te, hanno prodotto dei riscontri concreti sul mercato dei fumetti e, nello specifico, dal punto di vista della Play Press?

Effettivamente abbiamo assistito ad un vero e proprio ciclone mediatico per quello che riguarda i super-eroi, da sempre bistrattati in quanto considerati infantili. Sono stati prodotti dei buoni film e anche l’iniziativa di Repubblica di presentare una serie di classici del fumetto ha contribuito a dare maggior risalto ai comics… tutto cio’ mi lascia sperare che l’opinione pubblica riguardante i comics cambi drasticamente e che la gente riscopra il piacere della lettura!
Per quanto riguarda il riscontro del pubblico… bhe, non posso parlare per gli altri editori, comunque penso che qualche lettore nuovo sia arrivato. Purtroppo pero’ sono sempre troppo pochi…

LSB: Che riscontro di vendite hanno avuto i volumi dei classici del fumetto dedicati a Batman e Superman?

Penso che questa domanda dovrebbe essere fatta all’editore di Repubblica o al limite alla Panini, che sta curando l’iniziativa!

LSB: Ops! Non vorrei insistere, ma non credi che la DC Comics sia stata messa un po’ troppo ai margini nell’iniziativa di Repubblica? In fin dei conti si tratta dell’editore che ha creato le principali icone supereroistiche mondiali, non credi che avrebbe meritato qualche volume in più?

Mi sarebbe piaciuto vedere anche un volume su Wonder Woman ed uno su Flash ma va bene cosi’. In fondo penso che abbiano cercato di dare spazio a tutti i personaggi più importanti, quindi consoliamoci con Superman e Batman!

LSB: Perche’ la Play Press non ha approfittato della vasta visibilità ottenuta da Superman e Batman per riportare i due personaggi, magari anche solo con una iniziativa speciale, nelle edicole e tastare il polso ai lettori, valutando i potenziali acquirenti?

Perche’ pensiamo non sia ancora il momento adatto per tornare in edicola, al momento abbiamo in programma un progetto per le librerie specializzate che ci consentirà di valorizzare al meglio i personaggi della DC Comics. Non è detto, comunque, che in futuro non si tenti nuovamente la strada delle edicole…

LSB: Quali prodotti, tra quelli pubblicati nella passata stagione, ti ha dato maggiore soddisfazione?

Dunque… sicuramente il recente volume dedicato ad Hal Jordan Green Lantern: Legacy, una storia veramente bella che non fa che accrescere il mito del personaggio. Spero sia stata apprezzata anche dai lettori, specialmente dai nostalgici, che hanno avuto l’occasione di leggere una bella storia dedicata alla Lanterna Verde più amata di tutti i tempi.

LSB: Quali prodotti delle altre case editrici ti hanno maggiormente colpito?

Perche’ esistono altre case editrici oltre alla Play Press Publishing? Scherzi a parte, mi hanno colpito alcuni volumi della linea 100% Marvel della Panini. Ho trovato alcune cose interessanti, soprattutto nella sezione “Best”.

LSB: Quali obiettivi si prefigge la Play Press nel 2003/04?

Innanzitutto vorremmo riallacciare definitivamente i contatti con i lettori. Già da qualche tempo è disponibile il nostro nuovo indirizzo e-mail (lo ricordo, [email protected]) al quale rispondo personalmente.
Play Press: Una chiacchierata con Andrea Alfano - immagine2-648Ovviamente c’e’ poi l’obbiettivo di far conoscere al maggior numero di persone possibili gli eroi della DC Comics!

LSB: Quali saranno le principali proposte e novità con le quali vi accingete a sfidare il mercato? Su quali titoli puntate maggiormente? Ci puoi spiegare nel dettaglio come è strutturato il piano di rilancio del parco testate Play?

Visto che ormai c’e’ l’ufficialità su tutto, posso finalmente svelare il progetto segreto a cui stiamo lavorando ormai da mesi: si tratta di un nuovo mensile che conterrà il BATMAN di Loeb/Lee, SUPERMAN: BIRTHRIGHT di Waid/Yu e FORMERLY KNOWN AS THE JUSTICE LEAGUE di Giffen/DeMatteis/Maguire!
Ma non finisce qui! Oltre a presentare storie di altissimo livello, questa testata conterrà anche un apparato redazionale, quindi troverete dossier, news sul mondo Play/DC, pagina della posta e tanto altro… Avrà 80 pagine e costerà euro 5,00. Il nome? DC UNIVERSE, ovviamente! Da novembre in tutte le fumetterie, cominciate a spargere la voce!
Per quello che riguarda i volumi, continueremo con i titoli di maggior successo, cercando di inserire ogni tanto qualche ristampa di lusso e qualche nuovo paperback…

LSB: Caspita! DC UNIVERSE… una nuova rivista antologica contente il meglio della produzione recente della DC Comics ad un prezzo imbattibile per il mercato librario… questa si che è una grande notizia! Come si suol dire: “l’appetito vien mangiando”… avete già deciso cosa pubblicare subito dopo la bellissima miniserie FORMERLY KNOWN AS THE JUSTICE LEAGUE?

Sono contento che ti piaccia l’idea, ci stiamo impegnando veramente tanto affinche’ risulti un buon prodotto! Molto probabilmente subito dopo la strepitosa mini della Justice League arriverà quel simpaticone di LOBO… siete avvisati!

LSB: Ci sono speranze che, se questa iniziativa avrà il successo che merita, nasca qualche altro mensile da libreria?

e’ un’ipotesi che stiamo valutando. Per il momento aspettiamo di vedere come andrà questa nuova avventura editoriale, se arriveranno buoni risultati potremmo cominciare a pensare seriamente di affiancare a DC UNIVERSE una testata parallela. Nel frattempo incrociamo le dita per DCU!

LSB: So che ti sembrerà un tormentone … ma non posso non chiederti se nel futuro della PLAY c’e’ la possibilità di rivedere su base regolare personaggi molto amati come FLASH, LANTERNA VERDE, HAWKMAN e la JSA. Hanno qualche possibilita’?

Flash tornerà nel primo semestre 2004 con un suo tp personale. Ovviamente la speranza è che vada bene in modo da poter continuare la serie in maniera regolare, ci tengo molto perché è veramente una collana avvincente! La JSA tornerà momentaneamente nello speciale cross-over con la JLA, per quanto riguarda invece Hawkman e Lanterna Verde, vedremo nel secondo semestre del prossimo anno…

LSB: Che ne pensi della spettacolare “campagna acquisti” fatta dalla DC Comics? Avrete un bel po’ di materiale da pubblicare, non credi?

Sono contentissimo della “campagna acquisti”! Al momento tutti i più grandi autori dell’industria dei comics sono sotto contratto con la DC Comics e questo non può che rendermi felice, sia come lettore che come addetto ai lavori! Non vedo l’ora di leggere tutto il materiale che arriverà il prossimo anno… come hai giustamente notato avremo un bel po’ di cose da pubblicare!

LSB: Quali cambiamenti prevedi nel prossimo futuro nel mercato fumettistico nostrano?

Questa sì che è una domanda difficile… è difficile prevedere dove andrà il mercato, la cosa che mi sembra pero’ scontata è che si cercherà di usare sempre più la libreria specializzata. è da qui che il fumetto troverà le forze per andare avanti, almeno per il momento.

LSB: Secondo te a quale “evoluzione” sarà soggetto prossimamente il fumetto? Ci sarà uno sviluppo massivo dei web-comics, magari anche con la produzione di appositi Dvd (un po’ come sta provando a fare la statunitense Comics)? Oppure la sorpresa potrebbe venire da una riscoperta delle edicole o da un loro totale abbandono?

Secondo me ci saranno dei web-comics, così come magari si tenterà la strada del Dvd… ma non penso che il “materiale cartaceo” verrà mai abbandonato! Il fumetto è nato per stare sulla carta, quindi difficilmente si traslocherà sul web! Magari questa di Internet potrebbe essere una buona soluzione per gli indipendenti, che in questo modo avrebbero sicuramente meno costi e soprattutto la possibilità di far conoscere le loro opere a tantissime persone…
Per il resto, mi sento di essere fiducioso, il fumetto proverà ad evolversi, a cambiare, ma alla fine tornerà sempre alle sue origini. Lo dicono i vari corsi e ricorsi storici, probabilmente diventerà un prodotto “elitario” ma di tanto in tanto la gente si ricorderà di quei tizi col mantello che salvano il mondo ogni giorno…
Ciao a tutti!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.