Home > BreVisioni > Diabolik 11 – Il segreto di Diabolik (Gomboli, Faraci, Barison, Brindisi)

Diabolik 11 – Il segreto di Diabolik (Gomboli, Faraci, Barison, Brindisi)

Diabolik 11 - Il segreto di Diabolik (Gomboli, Faraci, Barison, Brindisi) - diathumb-1L’albo è realizzato da un nutrito team creativo: Mario Gomboli e Tito Faraci per il soggetto, sceneggiatura di quest’ultimo, copertina di e disegni dello stesso Barison e della guest star . L’autore di grido di Dylan Dog, già chiamato ad inaugurare la nuova serie a colori di Tex, celebra i cinquanta anni di , con il suo primo contributo grafico alla serie. La trama imbastita è un po’ complessa e segue il fine perseguito negli speciali fuori serie: ricucire vecchie storie di Diabolik in modo da costruire un corpus organico e coerente delle vicende del Re del Terrore. Dietro una copertina non nel consueto colore piatto e con un piccolo “effetto speciale” si apre la storia che vede Barison disegnare la vicenda narrata in presa diretta e Brindisi dedicarsi alla rappresentazione dei racconti fatti da Eva Kant. Qualche colpo di scena ed un epilogo clamoroso, che in parte si può evincere dal titolo ma che non stiamo qui a svelare, in ogni caso. Molto convincente la rappresentazione del disegnatore di un giovane Diabolik, anche nella prima parte, quando scorazza di notte con la sua Jaguar in una Clerville che somiglia molto alla Salerno cara all’autore campano. Nel complesso un numero teso a stupire il lettore per molti versi, dall’utilizzo di un grande, nuovo, autore, alle rivelazioni più o meno sorprendenti, alla libertà con la quale entrambi i disegnatori abbandonano lo schema rituale di scansione delle vignette del formato Diabolik. Celebrativo.

Abbiamo parlato di:
Diabolik #11 – Il segreto di Diabolik
Mario Gomboli, Tito Faraci, Emanuele Barison, Bruno Brindisi
– novembre 2012
130 pagine, brossurato, bianco e nero – 2,20€
ISBN: 771124045000

 

Diabolik 11 - Il segreto di Diabolik (Gomboli, Faraci, Barison, Brindisi) - diabimm

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.