Home > Articoli > Fables #17: L’eredità del vento – Le fiabe raccontate in casa Vertigo

Fables #17: L’eredità del vento – Le fiabe raccontate in casa Vertigo

Fables #17: L’eredità del vento -  Le fiabe raccontate in casa Vertigo - fables_17_l_eredita_del_ventoNelle saghe più lunghe e articolate capita spesso un volume cuscinetto in cui si tirano le file della run narrativa appena conclusa e si imbastiscono le premesse delle future vicende. L’eredità del vento, diciassettesimo volume della serie , rientra in questa categoria. Il Signore oscuro è sconfitto, ma le fiabe non hanno ancora ripreso il controllo dei territori perduti.  Favolandia è ancora zona off limits. Un prudente sopralluogo della Fattoria è il primo passo verso il ritorno alla normalità. C’è inoltre un nuovo Dio del Vento del Nord da nominare e la scelta dovrà cadere su uno dei figli di Biancaneve e Luca Wolf. Su questa investitura pesa come una spada di Damocle un’oscura profezia, destinata a portare gioia e disperazione tra la prole dei due personaggi fiabeschi . Cresce verso vette impreviste ed imprevedibili il personaggio di Rosa Rossa, diventando sempre più pietra angolare del complesso mosaico che  Willingham sta creando. Parallelamente si snodano le vicende di Bufkin, ex membro delle corpo delle scimmie volanti di Oz, sua terra natale nel quale torna per guidare  la rivolta contro Roquat, attuale detentore del potere nelle terre una volta percorse da Dorothy del Kansas! Chiudono il volume una serie di storie brevi, tra le quale spicca quella disegnata da P. Craig Russell, sempre a suo agio con i temi legati ai mondi epici e fantastici.  Non da meno è il disegnatore principe della serie (e del volume), Mark Buckingham, che da oltre 120 numeri  racconta graficamente  le articolate avventure dei fiabeschi personaggi, intessute da .

Fables è senza ombra di dubbio LA serie del momento e lo è da parecchio tempo. A metà strada tra una telenovela e un romanzo epic-fantasy corale, ha il forte pregio di essersi imposto come un appuntamento fisso tra le letture più interessanti.
Fables è anche un caso esemplare  di come sia cambiato il mondo Vertigo negli ultimi vent’anni. Fables è molto, molto lontano dal triumvirato storico composto da Sandman, Helleblazer e Preacher.  Non ne ha la cattiveria. O meglio, concepisce il concetto di cattiveria in un modo completamente diverso.

Se in Hellblazer Ennis e Ellis prendevano a cazzotti l’anima del lettore creando raramente empatia con il personaggio, in Fables (ad esempio con le vicende di Biancaneve) Willingham affeziona chi sfoglia le pagine a chi vi è ritratto sopra. Fables #17: L’eredità del vento -  Le fiabe raccontate in casa Vertigo - 42db6277bedcbfdd1e45d85914287a16È impossibile non amare o non tifare una Biancaneve schiavizzata dai Sette Nani mentre commette azioni moralmente dubbie, ma  in funzione di una giusta vendetta. Meno facile era, leggendo le pagine del piccolo grande mago di Newcastle, accettare che tutte le azioni di John Costantine, spesso poco condivisibili o comprensibili, causassero l’incessante morte di tutti i suoi amici.

Mentre in Sandman, era totalmente impossibile emettere un giudizio morale su uno degli Eterni, dal più lineare a quello più complesso, in Fables Willingham disegna   personaggi interessanti ma facilmente collocabili in uno dei due lati del binomio buono/cattivo. Se sia questo un limite dell’autore o una scelta è arduo dirlo, dovendo tenere conto che tentativi, futili a dire il vero, di  introdurre personaggi  non facilmente definibili a livello caratteriale (come ad esempio Geppetto o Il Signore del Nord) sono finiti con un ridimensionamento dell’importanza di tale personaggi  o con la loro scomparsa dalla serie.

Esistono  certamente evoluzioni caratteriali, come quelle del Principe Azzurro o di Rosa Rossa, ma sono univoche, cioè tendono da un punto A (Egoistica immaturità) ad un punto  B (Consapevole maturità). Inoltre queste crescite interiori appaiono spesso  strumentali  alla narrazione e quindi a volte, forzate.

Insomma, l’autore racconta le vicende di un gruppo di eroi. Gli eroi delle Fiabe. Provati dagli anni dell’esilio, certo. Stanchi delle innumerevoli battaglie e pronti a scelte a volte moralmente discutibili, ma comunque eroi. E nei fumetti, tra il concetto di eroe e quello di supereroe il passo è breve.

La Vertigo che era nata come un’etichetta destinata  a proporre storie che si staccassero in maniera netta dal mondo dei supereroi, con Fables  tradisce un po’ le sue origini, riuscendo tuttavia a offrire ai lettori scenari narrativi  dalla bellezza e dal potere evocativo unico rispetto l’attuale produzione fumettistica mondale.

Una vittoria di Pirro? Assolutamente no. Non si arriva oltre i cento numeri con le mezze vittorie. Fables mantiene ciò che promette. Intrattenimento. Se cercate storie che vi sconvolgano e vi tolgano il sonno come faceva lo Swamp Thing di Alan Moore o il Preacher di Ennis…bè, dovrete cercare tra gli altri titoli Vertigo.

Fables #17: L’eredità del vento -  Le fiabe raccontate in casa Vertigo - Fables-109.

È da sottolineare il merito di Willingham per l’intuizione geniale da cui trae spunto Fables: tutte le fiabe, di ogni tempo e di ogni luogo possono interagire tra di loro. Ci sono vicende precedenti e successive a quelle che i fratelli Grimm e colleghi hanno raccontato. Vicende che spesso portano i vari personaggi provenienti dagli scenari e reami più lontani ad incontrarsi, conoscersi, amarsi e odiarsi. Questo mette a disposizione dello scrittore infiniti contesti , infinite possibilità di interazione. Fables #17: L’eredità del vento -  Le fiabe raccontate in casa Vertigo - FABLES_108_09_inks2Infiniti personaggi. Infinite storie.

Certo, viene da chiedersi quanto Fables sia debitore, sotto questo punto di vista, della Lega degli Straordinari Gentleman di Alan Moore, che qualche anno primo aveva introdotto il concetto di coesistenza di una moltitudine di personaggi letterari in un unico universo narrativo.

Insomma, non è la mancanza di spunti o il sopraggiungere della  noia il nemico che questa serie deve temere. Piuttosto vi è sicuramente un problema di continuty (come nelle migliori saghe supereroistiche).
Non si può iniziare a leggere Fables dal primo volume che si trova in libreria. Troppi i retroscena e le sottotrame che si sviluppano incessantemente da un volume all’altro. Troppi e fortemente caratterizzati i personaggi. Sarà per questo motivo che la Lion, attuale editore della serie, ha inaugurato una collana di ristampe deluxe dei primi volumi, di cui il primo volume è già disponibile e il secondo da poco annunciato.

Infine, va posto l’accento su un elemento che ha sicuramente contribuito al successo di questa serie: le pittoriche copertine di James Jean e Joao Ruas. Un libro non si giudica dalla copertina nella stessa misura in cui  l’abito non fa il monaco, ma nell’affollatissimo scaffale del fumetto mainstream (per quanto sia strano parlare di una serie Vertigo in un contesto mainstream) una cover capace di far torcere il collo di 360° come nella migliore tradizione “esorcistica” ha una sua valenza  significativa. 
Se chi ben comincia è a metà dell’opera, non si potrebbe cominciare con una copertina migliore.

 

Abbiamo parlato di:
Fables #17 – L’eredità del vento
Bill Willingham, Mark Buckingham, P. Craig Russell, Rick Leonardi, Adam Hughes
RW – Lion, 2012
144 pagine, brossurato, colore – 12,95 €
Traduzione: Marco Cedric Farinelli
ISBN: 9788866912743

Tutti i volumi di Fables su Amazon.itFables #17: L’eredità del vento -  Le fiabe raccontate in casa Vertigo - ir?t=lospait-21&l=ur2&o=29

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.