Home > Articoli > Recensioni > Agenzia-X: la ricomparsa in edicola del segno americano di Rinaldi

Agenzia-X: la ricomparsa in edicola del segno americano di Rinaldi

Il sergente Kaminsky da eroe del giorno, per aver sventato una tragedia in una scuola elementare, si ritrova prima rapito e poi arruolato, suo malgrado, tra le fila della più potente organizzazione di difesa della terra, Agenzia-X: la ricomparsa in edicola del segno americano di Rinaldi - AGENZIA-X-2012-logo-228x300che ha la sua base in un enorme complesso circolare sottomarino gestito da un computer senziente. Nei mesi che lo porteranno a passare dallo status di cadetto a quello di agente operativo coinvolto nella sua prima pericolosa missione, avrà modo di familiarizzare con alcuni membri della sua squadra formata da bizzarri quanto potenti personaggi.

Superato il decennio dalla pubblicazione originaria (sullo storico settimanale Lanciostory) anche l’Agenzia-X torna nelle edicole con una raccolta monografica che segue di un paio d’anni quella di Willard The Witch, l’altro serial del talentuoso fumettista romano ugualmente ospitato nelle pagine del periodico dell’Eura.
ha l’occasione di rimettere mano alle tavole di una delle sue creature ripristinandone il senso originario, introducendole ai nuovi (e vecchi) lettori con una presentazione ad hoc e confezionandole con una delle sue solite accattivanti copertine. Non ci sembra quindi un caso se la sua firma sormonta uno dei due loghi presenti in copertina, quasi come a voler certificare il suo coinvolgimento diretto nella nuova edizione delle quattro avventure raccolte. 

L’Agenzia-X è l’ulteriore esempio della passione del suo autore per generi come la fantascienza e la commedia, che Rinaldi utilizza alternandola alle scene più action, gestite con la solita padronanza e catturate spesso e volentieri con il consueto magistrale uso di arditi tagli prospettici.

Agenzia-X: la ricomparsa in edicola del segno americano di Rinaldi - vignettaRinaldi

A riportare le dettagliate e spettacolari tavole di Rinaldi nelle edicole italiane è la Light&Darkness Publishing, che affida la stampa ad una vecchia conoscenza, la perugina Free Books. L’edizione susciterà qualche mal di pancia al lettore che già deve digerire la riduzione del formato – originariamente sul modello comic book e qui adattato a quello bonelliano (che negli ultimi tempi pare l’uovo di Colombo sia per gli editori storici sia per i nuovi) – e si ritrova a dover affrontare tavole dai neri mai pieni, stampati su carta paglierina.
A questo vanno aggiunti alcuni refusi nei balloons e nel lettering oltre a diverse ingenuità nella trama che avrebbero avuto bisogno dell’intervento di un editor che qui sembra assente.
C’è da dire che, come ci racconta anche l’autore nella presentazione (ma basterebbe osservare quanti dei personaggi ritratti in copertina non si ritrovano nella storia), questa ”Missione: nebbia sulla Luna” è giusto il pilot di una serie poi non proseguita: un’attenuante generica che va comunque presa in considerazione.

Un ritorno un po’ frettoloso questo dell’Agenzia-X, ma pur sempre un ritorno, che rappresenta comunque un piccolo evento per gli estimatori del fumettista pugliese e che ci riporta alla mente quel Wild Angels di quasi vent’anni fa, bonellizzazione ante litteram delle tavole americane di Rinaldi che ci auguriamo di poter vedere con maggiore continuità nelle edicole e nelle fumetterie del Bel Paese.

 Abbiamo parlato di:
Agenzia-X–Missione:“Nebbia sulla Luna”
Pino Rinaldi
Light&Darkness Publishing, 2012
96 pagine, brossurato, bianco e nero– 2,90€
ISBN: 9772280831018

Agenzia-X: la ricomparsa in edicola del segno americano di Rinaldi - vignettaRinaldi2 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.