Home > BreVisioni > Metamorphosis Atto 1 (di 3): Lei (Bevilacqua, Aloi)

Metamorphosis Atto 1 (di 3): Lei (Bevilacqua, Aloi)

Metamorphosis Atto 1 (di 3): Lei (Bevilacqua, Aloi) - ATTO1lowLSB, autore celebre per la serie A Panda Piace…, si mette in gioco in una miniserie molto interessante, in bilico tra il fantastico e il thriller.
Il primo numero uscirà ufficialmente il 28 novembre in tutte le edicole, ma è stato venduto in anteprima a Lucca Comics & Games 2012 allo stand dell’.
Da quanto si coglie leggendo Lei, Atto 1 (di 3) di , questo fumetto sembra porsi come un elogio della fantasia e del potere dell’immaginazione. La protagonista Luna è infatti una ragazza che vive nel mondo reale, ma che, ogni volta che si addormenta, conduce all’interno dei suoi sogni -legati alla mitologia greca- un’esistenza quasi parallela.
Ma l’omicidio di un suo amico sembra riaprire vecchie ferite e suggerire collegamenti tra le due realtà che rendono il fumetto più cupo e misterioso.
Il connubio tra queste due anime è un riuscito mix di azione, inquietudine ed emozioni vere, umane e particolarmente sentite, trattate con la delicatezza e la sensibilità cui l’autore ci ha già abituato in alcuni racconti in prosa realizzati per Wired.it.
Sullo sfondo di una Roma presentata in tutta la sua cinicità e in tutta la sua bellezza, grazie al disegno interessante e avvolgente di Bevilacqua, una ragazza corre a cavallo del suo scooter con un casco marchiato Pandalikes, affrontando i propri demoni interiori e un passato pericoloso e misterioso che sembra tornare ad opprimerla. 
Un lettore affamato di buone storie non può chiedere di meglio.

 

Abbiamo parlato di:
Metamorphosis Atto 1 (di 3) – Lei
Giacomo Bevilacqua, Sonia Aloi
Editoriale Aurea – dicembre 2012
Brossurato, bianco e nero, pagine 96 – €3,00 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.