Home > BreVisioni > Carne (Fois, Serra)

Carne (Fois, Serra)

Carne (Fois, Serra) - 51uh9xPIx+LFilippo Carnevali (Carne) è un poliziotto incaricato, assieme al collega Vitali (Vita) di sorvegliare un testimone; ma qualcosa va storto e mentre Carnevali si trova in compagnia di una prostituta, l’uomo viene ucciso. I due poliziotti finiscono nell’occhio del ciclone, ma per Carne i guai grossi iniziano quando si ritrova ad essere il principale sospettato dell’omicidio. Tratto da un racconto di Marcello Fois -pubblicato sempre da nell’antologia Pene d’amore– e illustrato da Daniele Serra, Carne è un racconto cupo e claustrofobico dai toni forti. Il sesso che torna più volte nelle pagine è squallido e greve. Il protagonista è un uomo alla deriva e la desolazione che lo circonda sembra essere totale, la sua discesa agli inferi è costellata da personaggi equivoci e situazioni a tratti quasi ripugnanti. Il pregio principale del lavoro sta nella capacità di restituire un’atmosfera convincente mentre l’intreccio, un po’ prevedibile, non riesce ad appassionare. Purtroppo, in questa sua trasposizione a fumetti, la matrice letteraria del racconto resta prevalente: i disegni sono spesso subordinati alle corpose parti di testo che si sobbarcano gran parte del lavoro di narrazione, lasciando nel lettore l’impressione di una sintesi mancata. Tutt’altro che banale il lavoro di Serra: il tratto sporco e volutamente incerto, la costruzione irregolare della pagina e la colorazione sono senza dubbio apprezzabili. Ma i frequenti monologhi del protagonista tolgono dinamismo alle tavole e il formato tascabile adottato per l’edizione non valorizza l’aspetto grafico.

 

Abbiamo parlato di:
Carne
Marcello Fois, Daniele Serra
Guanda , 2012
80 pagine, cartonato, colori – 18,00 €
ISBN: 9788860888549

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

I commenti sono soggetti a moderazione, per questo motivo potresti non vederli apparire subito.
Ti preghiamo di non usare un linguaggio offensivo ma di esporre le tue idee in maniera civile.